Home Veneziano Miranese Sud Il bosco dei nuovi nati

Il bosco dei nuovi nati

A Spinea piantato un albero per ogni nuovo nato. È così una delle prime città in Italia ad applicare nei fatti la legge 113 del 1992, che obbliga i comuni sopra i 15 mila abitanti a piantare un albero per ogni bambino registrato all’anagrafe o adottato. Il 28 febbraio è stato infatti inaugurato il Bosco dei nuovi nati, sorto nell’area verde del Piano norma 19, dietro l’oasi Nuove Gemme, tra via del Parco e via delle Rose. Si tratta di un vero e proprio intervento di forestazione su una superficie di 46.350 metri quadrati, con la piantumazione di 2.400 essenze, di cui 700 alberi e 1.700 arbusti, tutti di età inferiore ai due anni e un’altezza variabile, per ora, dai 50 agli 80 centimetri. Piccole piantine dunque, ma la città li vedrà crescere negli anni, proprio come i suoi piccoli cittadini. Per Spinea, che ha da sempre un debito di verde, essendo una delle città più densamente popolate ed edificate del Veneto, si tratta di un traguardo non da poco: da questo mese ha un intero bosco dedicato alle bimbe e ai bimbi nati fra il 2009 e il 2012. Ogni pianta porterà lo stesso nome del bambino a cui è collegata e sarà strettamente legata nella sua crescita al proprio piccolo cittadino. Piantate specie arboree e arbustive come il frassino, la farnia, l’olmo campestre, il carpino bianco, il tiglio, il biancospino, il nocciolo e altre essenze locali. “Con questa iniziativa – spiega il sindaco Silvano Checchin – il Comune ha voluto sensibilizzare tutti, bambini e adulti, a prendersi cura della natura e dei luoghi della città, siano essi pubblici o privati, in quanto bene comune”. Alla cerimonia di piantumazione il Comune ha voluto anche per questo motivo invitare simbolicamente tutti i bambini di Spinea, arrivando perfino a contattare gli asili, le parrocchie e i pediatri della città, per arrivare a tutte le famiglie con bambini. Centinaia quelli presenti alla giornata inaugurale, quando i piccoli alberelli sono stati piantati su un terreno già predisposto per il corretto attecchimento. Alla fine il Bosco dei nuovi nati, sarà un’importante area di compensazione ambientale per Spinea. Soddisfatto per questo anche il comitato “Difesa ambiente e territorio di Spinea”, impegnato nella promozione del progetto insieme al Comune. “Oltre ad essere un’azione ambientale con finalità educative, visto che il bambino che pianterà il suo albero potrà individuarlo e continuare a seguirne la crescita anche appendendo un cartellino con il proprio nome – afferma il presidente Vincenzo Rino Franzin – creare il Bosco dei nuovi nati, va nel senso giusto di equilibrare il consumo del territorio con zone desolatamente prive di vegetazione”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette