Home Padovano Conselvano La genesi del Santuario

La genesi del Santuario

Il piccolo comune di Terrassa Padovana continua a stupirci per le frizzanti iniziative che lo animano; una tra le ultime riguarda la nascita di una compagnia teatrale di paese che è riuscita nei mesi scorsi a mettere in scena con grande successo una rappresentazione.
“Mutolo dalla nascita” è stato il titolo dell’opera presentata da questa compagnia di attori locali che ha tenuto incollati alle sedie, per circa due ore, un numeroso pubblico affascinato dalle vicende storico-religiose intorno agli eventi che hanno portato alla nascita del santuario della Beata Vergine della Misericordia di Terrassa Padovana.
L’interesse dei presenti è stato tale che si è dovuto ricorrere ad una replica per accontentare il numeroso pubblico accorso dal paese e dalle zone limitrofe: il risultato è senz’altro apprezzabile visto che da più parti è stata auspicata una ulteriore replica. Le offerte raccolte (che ammantano a circa mille euro) sono state devolute alla scuola materna.
La commedia in quattro atti è stata scritta da Antonio Gobbato, ex sindaco dii Terrassa e narra la vicenda del giovane Pasquale Contiero (Nani), che privo della parola, ad un certo punto della sua vita come mandriano di porci, incontra una Signora che scoprirà poi essere la Madonna. Da lì il racconto si snoda in una serie di situazioni e di fatti che porteranno alla nascita del santuario di Terrassa come testimonia la tradizione popolare.
“Non sappiamo quando e come il fatto sia avvenuto- dice il regista e scrittore, Antonio Gobbato- ma riteniamo lecito pensare che qualcosa di eccezionale sia accaduto, perché un Santuario di tale importanza ed una tradizione popolare che dura da secoli, non nascono dal nulla”.
La commedia è senza tempo e senza date precise, infatti si snoda tra il 1500 e la fine del 1800. Il racconto è pervaso da una certa dose di spiritualità e di fede ma non mancano personaggi umoristici. Naturalmente il finale è a sorpresa.
Alcuni situazioni traggono spunto da riferimenti storici documentati e altro è frutto della fantasia dello scrittore. Per chi volesse apprezzarla è in programma a breve un’altra replica a cura della stessa compagnia teatrale. Sarà anche l’occasione per conoscere e approfondire la storia locale legata al simbolo del paese, quel Santuario meta ogni anno di affollati pellegrinaggi.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette