Home Padovano Sabrina Baldin: “e’ molto tempo che devono essere rivisti i criteri ...

Sabrina Baldin: “e’ molto tempo che devono essere rivisti i criteri di distribuzione del fondo sociale”

Non usa giri di parole Sabrina Baldin, assessore al Sociale del Comune di Brugine e rappresentante del Distretto 6 (Saccisica) nell’esecutivo dei sindaci dell’Usl 16, al rientro dall’incontro in Regione per discutere i tagli al sociale.
“Quella dei criteri di distribuzione del fondo sociale — ha detto – è una questione che la Regione conosce dal 2010. Da tempo abbiamo sottolineato la necessità di rivedere i parametri per una ripartizione più equa ma, ad oggi, non è ancora non ha fatto nulla”.
“Questa disparità di trattamento — evidenzia Baldin – si riflette anche sull’attività del Comune e sugli assessorati al sociale, in particolare, per primi a contatto con la comunità e chiamati in prima persona a dare risposte ai cittadini. Le somme che ci vengono assegnate sono del tutto insufficienti per per problematiche che quotidianamente Usl e Comuni si trovano ad affrontare”.
“Ci si deve rendere conto — ha detto – che i bisogni delle persone aumentano, purtroppo al pari dei disagi. Aumenta in numero delle persone in difficoltà, alle prese con la crisi economica e molto spesso senza un lavoro. Aumenta il numero degli anziani e dei disabili. Aumenta tutto. Tranne i servizi”.
Quindi l’attacco al governo centrale: “E’ importante che arrivi questo messaggio, a partire da chi ci governa a Roma: in Veneto siamo tutti uguali, e non è giustificabile una disparità così netta nell’assegnazione delle quote sociali, specie se si tratta di territori vicini tra loro”. Il riferimento è tra l’Usl di Padova e quella di Chioggia.
Infine un invito: “E’ giunto il momento di fare vera politica — conclude Baldin – quello che si sarebbe dovuto attuare da sempre: il vero politico è colui che si mette a servizio del cittadino e cerca in ogni modo di difendere i diritti della collettività, garantendogli una vita per quanto possibile dignitosa. La difficoltà del singolo non deve diventare umiliazione”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette