Home Veneziano Miranese Sud Autovelox, ecco i sei nuovi impianti

Autovelox, ecco i sei nuovi impianti

E adesso sono arrivati sei autovelox nelle strade di Mirano. Gli automobilisti sono avvisati “Attenzione ai limiti di velocità, da adesso multe in agguato per chi preme troppo sull’acceleratore”. I dispositivi sono stati acquistati e già posizionati dal Comune tra il capoluogo e le frazioni, in punti particolarmente critici della viabilità locale, e dove si corre troppo rispetto ai limiti stabiliti. Si tratta dei dispositivi cosiddetti “Velo ok”, colonnine di colore arancione poste a margine della carreggiata e ben visibili a distanza dagli automobilisti. Particolarità: possono contenere o meno un sistema di rilevamento della velocità. Secondo i progettisti infatti, a differenza di altri autovelox fissi, le colonnine non hanno compito punitivo ma deterrente. Le multe scatteranno infatti solo se all’interno, sarà collocato il dispositivo elettronico di rilevamento e, alcune centinaia di metri dopo, si posizionerà la pattuglia della Polizia locale per la constatazione immediata dell’infrazione. Niente verbali inviati a casa dunque. Certo è che nel dubbio, in prossimità del piloncino arancione ben visibile a distanza, converrà sempre rallentare. Tre sono stati posizionati nel capoluogo, altrettanti nelle frazioni. A Mirano gli autovelox si trovano in via Scaltenigo, tra l’incrocio “da Coi” e il distributore Trivengas e in prossimità del centro di Scaltenigo, zona acquedotto e poi in via della Vittoria, tra l’incrocio con via Villafranca e l’incrocio con via Parini. Poi le frazioni: a Zianigo un dispositivo è ben visibile in via Varotara, nelle vicinanze dell’incrocio con via Volpati. A Vetrego in pieno centro, in prossimità della chiesa (via Vetrego) e a Campocroce, sempre in centro, vicino alla scuola elementare Silvio Pellico (via Chiesa). I vigili si posizioneranno alcune centinaia di metri dopo la colonnina per fermare all’istante il trasgressore e contestargli immediatamente l’infrazione rilevata dal “Velo ok”. In tutte le zone dove sono stati posizionati i “Velo ok”, il limite massimo consentito è di 50 chilometri orari. Per Mirano è solo il primo stralcio di un progetto, già adottato in diversi Comuni italiani, denominato “Noisicuri”, che in futuro potrà essere implementato con l’acquisto di nuove colonnine da piazzare in altri punti sensibili della viabilità comunale e provinciale. Per questo motivo continuano le rilevazioni per capire quali siano le zone in cui si corre di più e che potrebbero in futuro vedere l’installazione di nuovi autovelox fissi. A qualcuno però la novità non è proprio piaciuta: nemmeno il tempo di posizionarli e quattro “Velo ok”, i due di via Scaltenigo, via Varotara e via Chiesa, sono stati subito oscurati dopo poche ore dai vandali con della vernice. Peraltro inutilmente visto che all’internon non c’era ancora alcun dispositivo elettronico in grado di rivelare la velocità. Pochi giorni dopo la colonnina di via Vetrego è crollata a terra, forse sradicata accidentalmente da un mezzo di passaggio. Un esordio non certo fortunato per gli autovelox miranesi.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette