Home Riviera del Brenta Riviera Ovest “L’ospedale di Dolo va difeso”

“L’ospedale di Dolo va difeso”

Le sezioni della Riviera del Brenta e del Miranese del Pd si mobilitano a salvaguardia degli ospedali di Dolo e di Mirano. Questo è stato l’annuncio espresso durante l’iniziativa sul futuro degli ospedali di Dolo e Mirano che si è tenuta nelle scorse settimane a Campagna Lupia. Durante l’incontro, promosso dai circoli Pd di Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Bojon, Camponogara e Fossò con la partecipazione dei consiglieri regionali Bruno Pigozzo e Giampietro Marchese, e del responsabile sanità del Pd provinciale Gabriele Scaramuzza è stata ribadita la posizione del partito sull’organizzazione dei presidi socio-sanitari dell’Ulss 13. “E’ nostra opinione ferma — ha detto Scaramuzza — che la paventata specializzazione chirurgica di Mirano e medico-riabilitativa di Dolo non rappresenti una proposta credibile per la qualità dei servizi alla popolazione, bensì solo un tentativo di contenimento dei costi. Occorre invece garantire a ciascuno dei poli di Dolo e Mirano, all’interno della logica dell’ospedale di rete, quelle funzioni sia chirurgiche sia medico-internistiche in grado di assicurare la piena loro funzionalità e l’effettiva integrazione delle due strutture. Pregiudicare e penalizzare uno dei due poli avrebbe come conseguenza esiziale di compromettere l’esistenza dell’intera azienda Ulss 13”. E’ stato poi chiesto un riequilibrio della quota procapire. “Da ottenere immediatamente — continua Scaramuzza — è il riequilibrio della quota pro-capite che la Regione riconosce ogni anno alle aziende socio-sanitarie per l’erogazione dei livelli essenziali di assistenza e territoriali, che nel caso dell’Ulss è tra le più basse con 1500 euro”. Vengono quindi annunciati i progetti per il futuro. “Per queste ragioni il Partito Democratico intensificherà nelle prossime settimane le sue iniziative su questo tema, promovendo una mobilitazione larga, sia sul fronte istituzionale che su quello politico. Sarà, infatti, chiesto a tutti i consigli comunali di esprimersi sull’ordine del giorno, già votato dal comune di Camponogara e Vigonovo, che richiede certezza sulle scelte di programmazione dell’Ulss 13 a partire dalla salvaguardia degli ospedali di Dolo e Mirano. E sarà chiesto anche alla Conferenza dei Sindaci e al suo Presidente di dare chiarezza alle proprie posizioni. Ma daremo anche luogo ad una mobilitazione popolare coinvolgendo tutta la cittadinanza per portare di fronte ai luoghi istituzionali e della politica la necessità per i territori della Riviera del Brenta e del Miranese di continuare ad avere dei servizi socio-sanitari all’altezza”. Nel frattempo è stata formata a Dolo una commissione consiliare per la salvaguardia dell’ospedale di Dolo. La commissione è composta da un rappresentante per ogni gruppo consiliare: Paolo Menegazzo (Pdl – Lega), Vincenzo Crisafi (Dolo Cuore della Riviera), Giorgio Gei (Ponte del Dolo) e Stefano Uva (gruppo misto) ed è aperta anche agli altri consiglieri comunali che possono partecipare ai lavori. I vari gruppi consiliari avranno inoltre la possibilità di convocare degli esperti esterni per chiarimenti o per approfondire determinate tematiche.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette