Home Padovano Bassa Padovana Internet super veloce

Internet super veloce

A sentirne parlare sembra solo una bella favola e invece è già una realtà. La dorsale che garantisce internet ad altissima velocità è già stata completata e va dall’uscita dell’autostrada al liceo Cattaneo di via Matteotti, mettendo potenzialmente in rete il quartiere di Marco Polo, quello del Redentore, il centro storico, il quartiere di San Giacomo e, prossimamente, anche la zona industriale. Un progetto innovativo che tenta addirittura di mettere in rete tutto il territorio comunale grazie a ventidue chilometri di fibra ottica finanziati con la formula del project financing. Il nuovo impianto riuscirà infatti ad offrire alle utenze domestiche e a quelle industriali connessioni ad altissima velocità, senza costi per le casse comunali.
A realizzare la rete, dopo essersi aggiudicata la gara, è la Parsec Nec di Monselice, pronta a sborsare circa un milione di euro per l’investimento. In cambio ha ottenuto una concessioneventennale, oltre al contributo dei privati (che varierà tra i 50 e i 200 euro) che vorranno, a parità di costo, accedere alla rete a una velocità fino a dieci volte superiore a quella attuale. “Il cambiamento sarà certamente apprezzato da tutti,ma soprattutto dalle imprese e dagli uffici – spiega il sindaco Francesco Lunghi – Anche la pubblica amministrazione guadagnerà in termini di risparmio economico e di efficienza, con 78 edifici (tra i quali il Comune, le scuole, le sedi dei carabinieri e della polizia municipale) collegati fra loro dalla nuova rete a costo zero”.
Un progetto avveniristico su cui sono riposte molte aspettative. Tanto che già si pensa agli sviluppi futuri: entro un anno la fibra ottica raggiungerà anche le zone periferiche e le frazioni, ad eccezione di quelle di San Cosma, Monticelli, Marendole e Cà Oddo che saranno comunque connesse con il wireless al nodo vicino. Un risultato sorprendente se si pensa che molte di queste zone non sono nemmeno raggiunte dalla “normale” Adsl. Già da subito quindi, si potrà usare la rete, senza alcuna spesa, per comunicare e trasmettere dati tra Comune, scuole, forze dell’ordine, ospedale e altri centri pubblici. Il cittadino potrà usufruire di vari servizi e interfacciarsi con il Comune direttamente da casa.
Quando la rete sarà completata, i privati si potranno collegare da casa, pagando una piccola quota una tantum e appoggiandosi poi al loro operatore, con connessione ultraveloce. Finora sono stati posati i primi otto km di cavidotti e tre km e mezzo di cavi ottici, ma in pochissimo tempo sarà completata la rete promessa.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette