Home Riviera del Brenta Riviera Ovest Sociale. Progetti in 12 anni

Sociale. Progetti in 12 anni

“Il comune di Vigonovo negli ultimi 12 anni ha attuato numerosi progetti di integrazione e politiche sociali”. A dirlo sono gli assessori Franco Doro, Lorenzo Zaramella e Filippo Fogarin che espongono i progetti realizzati. “Ogni anno da ottobre a maggio — spiegano — viene svolto un corso gratuito di alfabetizzazione e di italiano primo livello. In 10 anni sono circa 150 le persone che hanno partecipato ai corsi”. Un pensiero va poi alla formazione lavorativa. “Nel 2005 sono stati tenuti due corsi di formazione di circa 30 ore per badanti – illustrano gli assessori – l’uno pratico sulle tecniche di assistenza e l’altro specifico sulla cucina italiana e sull’alimentazione della persona anziana. Nel 2007, con la collaborazione del centro regionale migranti, è stato riproposto un corso gratuito di formazione per addetti all’assistenza alla famiglia mentre nel 2010 si è svolto un corso di taglio e cucito”. Si passa poi all’educazione civica. “Nel 2005 è stato inserito un modulo di orientamento ai servizi socio-sanitari per le donne provenienti dal Bangladesh — commentano Doro, Zaramella e Fogarin — mentre nel 2010 si è tenuto un incontro di orientamento all’abitare e alla convivenza condominiale in cui sono stati trattati i temi relativi ai contratti di affitto, alla raccolta differenziata e alle spese condominiali. Nel 2002 e 2003 è stato aperto uno sportello per stranieri che dava informazioni e orientamento sui documenti di soggiorno, servizi di prima accoglienza e servizi socio-sanitari. Nel 2005 e 2006 è stato attivato lo spazio Mammamondo di sostegno alle neo mamme. Infine da ottobre 2012 il corso di italiano è orientato ad approfondire i temi legati alla sicurezza negli ambienti di lavoro e la prevenzione di incidenti domestici”. Un aspetto importante è l’integrazione sociale e scolastica. “Dal 2004 è attivo il progetto di accoglienza e orientamento di alunni stranieri e delle loro famiglie — dicono gli assessori — i mediatori linguistico-culturali svolgono un ruolo fondamentale di affiancamento degli operatori scolastici e di accompagnamento degli alunni e delle loro famiglie”. Sono stati previsti dei premi per gli studenti meritevoli. “Ricordiamo la borsa di studio — spiegano gli assessori — che viene data per merito ed in base a reddito e andamento d’eccellenza degli studenti. In cinque anni ad essere premiati sono stati tre bambini italiani e due stranieri. I concetti di partecipazione e di benessere individuale e collettivo li ritroviamo in altre iniziative: dallo spazio “Il Trenino”, allo spazio “Giragioca”, agli orti sociali, ai corsi della “settimana web”, ai centri estivi”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette