Home Veneziano Chioggia Chioggia dice “No alla violenza sulle donne”

Chioggia dice “No alla violenza sulle donne”

Anche Chioggia aderisce alla campagna “365 Giorni no alla violenza contro le donne” lanciata lo scorso anno in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Sottoscrivendo la Carta d’Intenti proposta dal Comune di Torino e approvata da Anci, il Comune di Chioggia s’impegna a testimoniare una presa di posizione forte e decisa contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne.
“Il Piano delle Azioni Positive delle Pari Opportunità, approvato dalla Giunta lo scorso giugno contiene già alcuni degli obiettivi della Campagna – commenta l’assessore alle Pari Opportunità, Silvia Vianello – E’ un tema che non si può risolvere in un giorno, e proprio per questo dev’essere portato all’attenzione dell’opinione pubblica tutto l’anno per sensibilizzare le coscienze civili”.
Un anno fa, in collaborazione con la Camera del lavoro di Venezia e la Consulta per le Pari Opportunità, a Chioggia è stato istituito lo Sportello Donna, cui si aggiungono molteplici iniziative di sensibilizzazione e di vicinanza alle donne svoltesi in marzo. “Le amministrazioni — continua Vianello – hanno un ruolo importante nel portare l’attenzione della cittadinanza su questo tema e mi auguro di riuscire a far sì che la cultura di genere possa essere d’esempio per tutti i cittadini di questa città”.
La campagna prevede una serie di azioni concrete: progetti di prevenzione, l’istituzione di Centri antiviolenza e Case Rifugio per vittime di violenza, sostegno alle associazioni che supportano le donne maltrattate e informazione nelle scuole.
Le amministrazioni s’impegnano ad inserire nei Regolamenti il divieto di messaggi pubblicitari offensivi (anche per i privati) e a promuovere progetti volti al recupero degli uomini maltrattanti, per incoraggiarli ad adottare comportamenti non violenti nelle relazioni interpersonali. Con il coinvolgimento degli Organismi di Parità, si cercherà, infine, di prevenire nuove violenze andando a modificare i modelli comportamentali violenti, e organizzando corsi d’informazione e sensibilizzazione rivolti ai dipendenti e alle dipendenti e agli amministratori/amministratrici del proprio Comune.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette