Home Padovano Padova Nord “Trasporti alle corde”

“Trasporti alle corde”

Anche il Movimento 5 Stelle (M5S) di Vigonza vuole la metropolitana di superficie e si è messo in coda alla lunga fila di protesta che sta attraversando il paese in questi giorni.
“Abbiamo voluto dare il nostro appoggio al Partito Democratico di Vigonza — afferma Giovanni Pasqualotto, rappresentante del Movimento 5 Stelle a Vigonza — per quanto riguarda la manifestazione di protesta contro lo stato di degrado attuale della stazione ferroviaria di Busa di Vigonza”. Come si può benissimo capire, il M5S non ha perso tempo, ha partecipato attivamente al corteo civile, schierandosi dalla parte di tutti quei cittadini stanchi di una situazione ormai di durata decennale.
Muniti di scopa, paletta e sacchi per l’immondizia tutti i grillini di Vigonza sono stati il simbolo di come un intero paese possa scendere in campo e rimboccarsi le maniche per migliorare la propria vita, e non solo protestare come qualcuno potrebbe facilmente supporre. “Riteniamo giusto — continua il portavoce dei grillini, ex candidato sindaco alle ultime elezioni comunali risalenti a maggio 2012, Pasqualotto — che finalmente la metropolitana di superficie entri in funzione, per dare un servizio in più a tutta la cittadinanza, che la sta aspettando da molti ormai. Siamo qui non per mettere in mostra la nostra appartenenza politica, ma in quanto cittadini di uno di comuni più prestigiosi del territorio padovano, ed è impensabile che nel 2013 possa essere ancora così indietro a livello di trasporti base”. Conclude Pasqualotto: “Continueremo la nostra battaglia assieme a tutte le altri parti politiche che hanno deciso di aderire a questa manifestazione, per far capire all’amministrazione comunale che un è di grande necessità per i cittadini e i pendolari avere collegamenti veloci con la città di Padova.
Ci auguriamo solamente che la nostra presenza e la nostra voce venga ascoltata anche a livello regionale dove i lavori per la realizzazione della metropolitana di Busa sembrano essere fermi con le quattro frecce, senza un ragionevole motivo”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette