Home Rodigino Ipotesi per un rimpasto di Giunta

Ipotesi per un rimpasto di Giunta

Il momento più eclatante è stato, lo scorso 5 novembre, quando, nella discussione su una mozione presentata dal centrosinistra, l’attuale maggioranza in Comune a Rovigo è “andata sotto”. Si discuteva, in consiglio comunale, del Passante Nord.
Sono stati, comunque, numerosi altri gli argomenti che hanno messo a rischio la coesione interna al Pdl e alla giunta guidata dal sindaco Bruno Piva. Un ottimo esempio è il tribunalone, con la mozione presentata dal consigliere Michele Brusaferro, con la quale si voleva impegnare la maggioranza a valutare la possibilità di collocare la futura cittadella della giustizia nell’area dell’ex caserma Silvestri. Ma anche la scelta del sindaco Piva di appoggiare la collocazione nell’area del centro commerciale La Fattoria del Decathlon, questione che già aveva agitato parecchio le acque, la scorsa primavera, non aveva visto concorde tutto il centrodestra.
Morale della favola: esiste il caso che due assessorati vedano un cambio di titolare in corsa entro la fine dell’anno.
O, per meglio dire: un avvicendamento è sicuro, un altro verosimile. Il primo riguarda la posizione di Aniello Piscopo. Che sarebbe intenzionato a lasciare anche per questioni personali. Proprio la sua posizione era stata al centro di un vero e proprio caso, a inizio mese: il sindaco prima gli aveva ritirato la delega al decoro pubblico, per attribuirla a se stesso, quindi era tornato sui propri passi, annullando quell’atto. Tutte avvisaglie che lasciano intendere come ben presto ci saranno delle modifiche.
Che dovrebbero essere interne al Pdl. O ex Pdl, dal momento che il soggetto politico nato dall’alleanza tra Forza Italia e An ormai non esiste più. Comunque, protagonisti o vittime del rimpasto di giunta dovrebbero essere unicamente coloro che sono stati eletti tra le fila di quel partito.
Sui nomi dei possibili entranti, al momento ovviamente non ci sono certezze, ma voci e ipotesi. Una di queste vorrebbe in pole position Aldo Guanieri, già amministratore di Palazzo Nodari. Tra l’altro, secondo questa lettura, il suo ingresso in giunta servirebbe anche a fare diventare organico alla maggioranza un consigliere che spesso, nelle ultime settimane e negli ultimi mesi, non è per nulla stato allineato sulle posizioni del sindaco e della Giunta, non lesinando critiche e neppure attacchi.
Altri nomi che circolano sono quelli di Claudio Paron e anche di Vanni Patrese.
Tutte interpretazioni plausibili, per carità. Anche se non è escluso che, alla fine, come accaduto varie volte in passato, la scelta non possa cadere su qualcuno che appariva fuori dai giochi ma che, alla fine, viene scelto.
Come detto, poi, si parla anche della possibilità di un secondo assessore che lasci la giunta nel mese di dicembre. Per sapere se è così, chi sarà e da chi sarà sostituito, comunque, a questo punto non resta ormai molto da aspettare.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette