Home Riviera del Brenta Riviera Ovest Patto di stabilità, obbiettivo raggiunto

Patto di stabilità, obbiettivo raggiunto

Il comune di Dolo anche quest’anno ha rispettato il Patto di Stabilità. Ad annunciarlo è stato il sindaco Maddalena Gottardo, che apre il 2014 con una riflessione. “Anche per l’esercizio appena chiuso il Comune di Dolo ha rispettato il Patto Interno di Stabilità – annuncia il primo cittadino – non senza sacrifici dei propri residenti e rinunce in tema di indispensabili opere pubbliche e manutenzioni”. Il sindaco si sofferma sulla normativa. “Il Patto di Stabilità, con le sue rigide regole, si rivela una beffa proprio per le amministrazioni più virtuose come la nostra – commenta Maddalena Gottardo – con effetti a dir poco paradossali: avanzi di amministrazione sempre crescenti, giacenze di cassa sempre più rilevanti a interessi “zero”, impossibilità di utilizzare queste economie a sostegno del sistema produttivo locale nel corso degli esercizi futuri”. Il sindaco Gottardo prosegue nel suo intervento. “Non è volontà di questa amministrazione rinunciare a impiegare le risorse maturate nel territorio nel corso degli anni. Un “tesoretto” che, malauguratamente, in futuro potrebbe essere destinato proprio a risanare quegli enti che, invece, non hanno operato alcun contenimento degli sprechi e della spesa. Riteniamo, dunque, sia giunto il momento di premiare i comuni da sempre “virtuosi”, concedendo loro un po’ più di libertà di spesa quantomeno fino al limite degli avanzi di amministrazione accumulati negli anni”. Sempre in tema di politica fiscale arrivano anche le dichiarazioni dell’assessore al bilancio, Giuseppe Pasqualetto. “Le politiche fiscali e di bilancio del Comune di Dolo – esordisce l’assessore – in questi anni sono state improntate al massimo del rigore consentito, nel rispetto della normativa statale e dei principi di trasparenza e prudenza. Anche lo scorso anno si era presentato lo spettro del mancato rispetto del Patto di Stabilità, ma le scelte dell’amministrazione si sono rivolte verso altri obiettivi: risparmio di spesa, blocco delle spese di investimento, diversa valutazione dei carichi tributari in capo ai cittadini di Dolo”. Pasqualetto si sofferma sull’Imu. “La decisione dell’amministrazione di mantenere l’aliquota Imu sull’abitazione principale allo 0,4 % è stata una scelta che ora premia i nostri cittadini, evitando loro ulteriori e costosi adempimenti. Non hanno potuto beneficiare della completa riduzione del carico Imu i proprietari di terreni agricoli, come deciso dal Governo centrale”. Sull’intervento del sindaco Maddalena Gottardo arriva la risposta del gruppo consiliare d’opposizione “Dolo, Cuore della Riviera”. “Le dichiarazioni diffuse dal nostro primo cittadino su quanto realizzato nel 2013, e programmato per il 2014, sono soltanto parole. Ben altri sono i fatti dei quali il sindaco si è reso protagonista: l’aumento delle tasse alle famiglie dolesi, l’incremento dei costi per il funzionamento della struttura comunale, nessuna opera pubblica significativa “in cantiere” e una politica della mobilità e dei parcheggi a pagamento disastrosa”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette