Home Rodigino Delta Noti i nomi, ora restano da definire le alleanze

Noti i nomi, ora restano da definire le alleanze

Alla data attuale, manca poco meno di una ventina di giorni alla presentazione delle liste elettorali e lo scenario politico portovirese comincia, definirsi con una sempre maggior chiarezza. Se da un lato pare sia tempo per alleanze e grandi coalizioni, dall’altro l’atmosfera risulta essere più statica definendo i tracciati di chi sceglie di correre da solo. E’ questo il caso di Thomas Giacon con la sua civica “la tua Porto Viro” di cui già ha svelato alcuni particolari, scelta invece ancora lontana per le altre liste. Cambia quindi il nome del gruppo “progetto Porto Viro” lanciato circa un anno fa e si scopre pure un nuovo simbolo che da una veduta aerea del delta lascia il posto ai colori renziani della meridiana stilizzata di Piazza della Repubblica che si fonde ad una vela. Un cambio di immagine che come spiegato dallo stesso Giacon all’insegna dello slogan “Porto Viro è tua” vuole creare un rapporto paritario coi cittadini.
Sempre nell’ottica di quella che pare essere una corsa che non lascia spazio ad alleanze, è stata ufficializzata la candidatura dell’aspirante sindaco per la lista del Movimento Cinque Stelle di Porto Viro, dopo un lungo periodo di riserbo e di falsi nomi che sono circolati senza avere alcun fondamento. Il candidato per il movimento capeggiato da Beppe Grillo a Porto Viro sarà Sante Crepaldi.
E’ cosa invece ormai assodata da tempo la candidatura dell’attuale assessore Doriano Mancin a capo di una lista civica indipendente che è appoggiata da Forza Italia, come più volte ricordato dal consigliere regionale Mauro Mainardi, e dall’associazione portovirese di recente formazione dei “Giovani con Doriano”.
L’altra parte del centro destra appoggia invece, in quella che è ormai una notizia certa anche se al momento non è stata confermata con ufficialità dalla diretta interessata, la candidatura dell’attuale assessore allo sport e alla cultura Maura Veronese a capo di una civica.
Si ripresenterà in campo, dopo cinque anni in qualità di consigliere comunale di minoranza, anche Antonino Tumiati con il suo “partito del diritto al lavoro”, mentre è attualmente in corso la formazione della lista “La Destra per Porto Viro” con Giuseppe Pullara.
Resta quindi da capire, a questo punto, come saranno gestite le eventuali alleanze che si andranno a formare nelle prossime settimane. A questo proposito c’è da chiedersi in che direzione procederà “Porto Viro cambia verso”, il gruppo nato a seguito della spaccatura interna del Pd portovirese e portato avanti dall’ex sindaco Gianni Franchi, che non si esclude potrebbe andare a convergere in una coalizione. Stesso intento, in questo caso palesato chiaramente attraverso una dichiarazione del capogruppo Maurizio Finessi, per il “Gruppo decidiamo insieme”. La medesima sorte potrebbe forse interessare anche le partite Iva rappresentate dalla civica indipendente“Porto Viro pulita” presentata da Tiberio Tessarin, affiancato da Claudio Mancin e Mirko Saia.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette