Home Rodigino Delta “Per l’affidamento del servizio di Scuolabus serve un gara d’appalto”

“Per l’affidamento del servizio di Scuolabus serve un gara d’appalto”

Possibile che un servizio di scuolabus per le scuole possa essere territorio di scontro per la politica locale? A quanto pare sì, viste le schermaglie in consiglio comunale tra i rappresentanti della giunta Bellan e i consiglieri di minoranza, che di recente sono tornati all’attacco in particolare contro l’assessore ai Servizi sociali Leonarda Ielasi. Oggetto delle critiche l’appalto per l’affidamento del servizio di trasporto scolastico per un importo di poco superiore ai 300mila euro. Secondo il capogruppo di minoranza ed ex assessore Roberto Pizzoli l’affidamento diretto del servizio alla Cooperativa Oasi violerebbe una norma dell’Unione Europea che prevede l’obbligo di ricorrere a una gara d’appalto in caso di costi superiori ai 200mila euro. “Di fronte alle nostre domande l’assessore sembra cadere dalle nuvole — ha detto Pizzoli — e illudendosi che le minoranze si sarebbero accontentate, ha pensato bastasse chiamare in causa i tre ex assessori Pizzoli, Mantovani e Crepaldi, invocando una specie di correità, affermando che l’operazione da lei condotta è dipesa dalle scelte della precedente amministrazione. lelasi non è stata in grado di citare o esibire uno straccio di carta a sostegno delle sue parole e presto o tardi dovrà dare quelle risposte che ha negato al consiglio comunale. Vedremo se anche allora penserà di cavarsela scaricando responsabilità che sono tutte sue e dei suoi colleghi”. Dai banchi della minoranza è stato addirittura paventato un possibile ricorso alla sezione regionale della Corte dei Conti. L’assessore ha respinto con fermezza le accuse della minoranza: “Se faranno ricorso — ha detto Ielasi — lo faranno prima di tutto contro loro stessi”. Il riferimento è a un’ipotesi di esternalizzazione del servizio ventilata già durante gli ultimi mesi della precedente amministrazione, di cui Pizzoli, Mantovani e Crepaldi (oggi tutti all’opposizione) erano assessori. “A noi — ha aggiunto Ielasi – interessa che il servizio funzioni e che i cittadini siano soddisfatti di come sta andando. Ma se vorranno fare ulteriore chiarezza, sarà anche nostro interesse porre fine alla questione fissando definitivamente i puntini sulle I”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette