Home Padovano Gianella: “Un nuovo modo d’intendere lo sviluppo urbanistico”

Gianella: “Un nuovo modo d’intendere lo sviluppo urbanistico”

Si scrive Piano degli interventi ma si legge Piano della Città pubblica, ovvero un nuovo modo di intendere lo sviluppo urbanistico del territorio, che tiene conto di una molteplicità di fattori (ambiente, servizi e sostenibilità economica degli interventi) che verranno messi in atto attraverso una rete di attori pubblici e privati.
“Un ruolo fondamentale nell’elaborazione del nuovo Piano degli interventi — ha spiegato il sindaco Davide Gianella – ha avuto la riprogrammazione delle cosiddette “zone bianche”: aree in cui le previsioni di sviluppo non si sono realizzate negli ultimi cinque anni. Si tratta di una decina di aree per le quali è stato necessario un ridimensionamento, operazione che è seguita ad una fase di consultazione e concertazione con la cittadinanza, attraverso un avviso pubblico, a cui hanno potuto accedere tutti i soggetti titolari di aree individuate dal Pati quali linee preferenziali di sviluppo insediativo”.
“Tra le richieste pervenute agli uffici comunali – ha fatto sapere il primo cittadino — anche il cambio di destinazione, ci viene chiesto in sostanza che l’edificabilità insistente su una determinata area venga eliminata, e questa è anche una particolarità del nostro tempo e una delle sfide che ci troveremo ad affrontare. All’interno del Piano andranno perciò individuate le aree di sviluppo, e quelle aree che nei prossimi cinque anni potranno effettivamente essere portate a conclusione, arrivando a realizzare ciò per cui sono state programmate”.
“Un altro aspetto sui abbiamo concentrato la nostra attenzione — ha proseguito Gianella – è quello dei servizi di cui la città ha bisogno, in base allo sviluppo che viene programmato, e che vengono ceduti al comune attraverso il negoziato con il privato. Questi servizi, queste aree o questi beni dovranno tenere conto delle ristrettezze di bilancio, in altre parole non dovranno essere tali da comportare un gravame (in termini economici) per l’amministrazione”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette