Home Riviera del Brenta Riviera Ovest Lotta senza tregua alla disoccupazione

Lotta senza tregua alla disoccupazione

Il comune di Fossò conta sette mila abitanti, il territorio è attraversato da due strade provinciali, dove principalmente si muove il popolo dei lavoratori, sempre meno numerosi. La zona industriale occupa un’area di 300 mila mq a nord del paese, e oltre ai tradizionali calzaturifici, sono presenti aziende industriali, di servizi e commerciali. L’amministrazione comunale favorisce l’occupazione sia con l’autorizzazione di ampliamenti in altezza degli edifici, sia promuovendo, per le attività sparse, la compatibilità con il territorio. Nel settore della calzatura l’occupazione stimata è di oltre un migliaio di addetti ed, il 90% della produzione, è esportato. Sono presenti medie aziende di prestigio come la Iris Shoes con 180 dipendenti, la Twi con 75 e Giorgio Armani Operation con circa 180. Inoltre, quest’anno, è previsto l’insediamento della produzione di calzature Dior. Oltre alle scarpe si producono borse e accessori, infissi ed elementi per l’edilizia, lavorazioni varie, trattamento di rifiuti, abbigliamento, oltre che aziende di servizi, logistica, trasporto e commerciali. “La disoccupazione è in aumento, dal 2013 — dice il sindaco Federica Boscaro — e oltre a chi perde il lavoro, si rivolgono al Comune sempre più giovani alla ricerca di prima occupazione. I lavoratori immigrati disoccupati emigrano verso altri paesi europei, o resistono fino a quando i figli completano l’anno scolastico e tornano al paese di origine. Nel 2013 tutti i capitoli di spesa sociale sono stati incrementati, fino a triplicare i contributi per gli indigenti rispetto al 2011”. L’ente comunale collabora con l’Associazione Calzaturieri Riviera del Brenta e con il sindacato Cgil-Cisl-Uil. Dal 2012 è attivo lo Sportello Informa Lavoro, per favorire l’incontro fra domanda e offerta. Lo scorso gennaio è stato attivato “Progetto Lavoro” per dare una risposta lavorativa a cittadini over 35, che si trovano privi di reddito e di ammortizzatori sociali. Fossò si è impegnato, con la Regione, la Caritas e la Fondazione Riviera Miranese, per l’assunzione di tre lavoratori per sei mesi. Inoltre ha impiegato quattro lavoratori socialmente utili. Grazie a queste persone è possibile mantenere e incrementare il livello dei servizi ai cittadini. Fossò è attivamente impegnata all’interno dell’Unione dei Comuni Città Riviera del Brenta: nel 2011 è stato costituito il “Tavolo sul Turismo della Riviera del Brenta”. Un progetto realizzato è la guida turistica: “Le delizie dalla Brenta”. In collaborazione con l’Università Ca’ Foscari è stata realizzata l’APP della guida traduzioni in inglese, tedesco, russo, spagnolo, cinese e, a breve, in arabo. “Nel 2013 l’Unione dei Comuni è entrata nel “Comitato Expo Venezia” per partecipare all’Expo 2015 di Milano — conclude il sindaco Boscaro — vogliamo promuovere la Riviera del Brenta a 180 gradi: il suo paesaggio, le ville, la laguna, l’ospitalità, le attività produttive. Si guarda lontano, sono già in corso contatti con gli Emirati Arabi per l’Expo 2020 a Dubai”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette