Home Veneziano Cavarzere Alberto Panfilio è il nuovo sindaco: “C’era voglia di cambiamento!”

Alberto Panfilio è il nuovo sindaco: “C’era voglia di cambiamento!”

A Cona è stata molto alta l’affluenza alle urne; con il 74,65% il comune si attesta tra le città della provincia con più elettori attivi.
Dalle elezioni amministrative il vincitore è Alberto Panfilio, candidato della lista civica Fare Comune, di area centrodestra, che ha ottenuto il 39,55%, staccando il secondo partito, Intesa per Cona e il suo candidato Antonio Bottin per 723 voti.
Un po’ Panfilio se lo aspettava: ”Avevo trovato tanta voglia di cambiamento nella gente che ho incontrato durante la campagna politica – dichiara soddisfatto – Durante la mia campagna elettorale, spesa sempre in mezzo alla gente, in tanti mi hanno segnalato i loro commenti e incitamenti verso una nuova direzione da intraprendere”.
Sicuramente il merito è anche da attribuire all’impegno che la lista civica ha profuso sulla questione ospedale e sul possibile cambiamento dall’Ulss 14 all’Ulss 16 di Padova e Piove di Sacco. Come spiega il neosindaco, la questione lo ha toccato in prima persona, avendo due genitori ultra ottantenni e dovendoli curare la causa. Pertanto, si è impegnato fin da subito per portare all’attenzione della Regione e il risultato è stato quasi immediato. Infatti il presidente della V Commissione del consiglio regionale Leonardo Padrin ha manifestato la possibilità per Cona di scegliere se rimanere all’interno dell’Ulss clodiense o lasciarla per passare all’Ulss 16 di Piove di Sacco.
“Le Ulss — ha detto Padrin — sono al servizio dei cittadini e non il contrario; se il Comune di Cona manifesta la volontà di unirsi all’Ulss padovana piuttosto che stare con Chioggia e Venezia, sarà mia cura presentare un nuovo progetto di legge per permettere che ciò avvenga”.
“Se dopo le elezioni — ha aggiunto — la nuova amministrazione di Cona manifesterà la volontà di unirsi all’Ulss di Padova potrà farlo. L’obiettivo è servire i cittadini”.
La risposta non tarda e Panfilio spiega che ora toccherà ai cittadini decidere, nel prossimo confronto a tu per tu con la cittadinanza, qualora passasse il “sì”, si farà l’iter regionale per il cambiamento. “La possibilità di cambiare esiste, solo che chi c’era prima di noi non si era veramente interessato al problema”.
Sono due le parole chiave di Panfilio: ascolto e disponibilità verso i cittadini. “E’ fondamentale che il sindaco sia più presente in municipio e si dedichi maggiormente alla gente e ai loro problemi. Inoltre sarà mio compito valorizzare maggiormente i servizi relativi ai dipendenti comunali per migliorare i servizi offerti al cittadino e la qualità”.
Oltre a Bottin, la nuova amministrazione sarà composta da Fabio Fontolan, Nicola Botton, Sara Maculan, Fabrizio Pavanello, Alessandro Maculan, Sara Campacui, Stefano Zaninello, Dino Bisca, che nel prossimo consiglio comunale saranno eletti assessori di riferimento.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette