Home Veneziano Cavarzere Sociale Le celebrazioni a 50 anni dalla sua fondazione. Inaugurato un busto...

Sociale Le celebrazioni a 50 anni dalla sua fondazione. Inaugurato un busto commemorativo realizzato da Giorgio Longhin

L’Avis di Cavarzere e Cona ha deciso di celebrare i 50 anni dalla sua fondazione in modo davvero memorabile: infatti, dopo aver premiato come di consueto i donatori benemeriti, cioè gli avisini che hanno compiuto 65 anni di età, cerimonia che si è svolta il giorno 23 maggio presso la sala convegni di Palazzo Danielato, ha deciso di dedicare alla Giornata del Donatore uno speciale ringraziamento al suo fondatore, il compianto dr. Giancarlo Guarnieri.
Domenica 8 giugno, dunque, una folla davvero numerosa si è raccolta davanti alla Piazza del Donatore per sfilare per le vie del paese, accompagnata dalla banda musicale cittadina, diretta dal Maestro Michele Arrighi, ma soprattutto per assistere all’inaugurazione del busto commemorativo dedicato al dr. Guarnieri, opera realizzata dallo scultore cavarzerano Giorgio Longhin che è stata collocata nel lato della chiesa prospiciente al palazzo municipale.
Fu proprio grazie ad un’idea di questo capace medico se l’Avis si è costituita, il 14 marzo 1964, anche a Cavarzere; Guarnieri, inoltre, è stato primario del laboratorio di analisi e ricerche cliniche dell’ospedale di Cavarzere dal 1964 fino al 1973, per poi passare a Chioggia fino al 1991 e a Mestre, dove è stato responsabile del SIT Centro Trasfusionale fino alla sua morte, avvenuta il 22 aprile 1996: la passione per il proprio lavoro e l’impegno profuso sono sempre scolpiti nella memoria di coloro che lo hanno conosciuto ed è per questo che l’Avis ha voluto fortemente questa giornata di ricordo per il suo fondatore.
Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco Henri Tommasi, il quale nel suo discorso ha sottolineato la preziosa attività dell’Avis, il neo sindaco di Cona Alberto Panfilio, il sindaco dei ragazzi Filippo Merlanti, i figli del dottor Guarnieri, Fabrizio e Nicola (quest’ultimo ha ricordato il padre con un discorso che ha commosso tutti i presenti), il primario del centro trasfusionale dell’Ulss 14 dottor Gianluca Gessoni che ha a lungo collaborato con il fondatore dell’Avis locale, il presidente dell’associazione cav. Luigi Sturaro, il quale ha ringraziato le autorità e i presenti tramite la sua collaboratrice Alessandra Giraldo, nonché il parroco don Achille de Benetti che, dopo aver impartito la benedizione, ha celebrato la Messa in suffragio dei donatori defunti assieme al parroco di Cona don Umberto Sordo, funzione religiosa che è stata accompagnata musicalmente dall’organo del professor Graziano Nicolasi e dal coro “Tullio Serafin” diretto dal Maestro Renzo Banzato.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette