Home Riviera del Brenta Riviera Ovest Interventi per un turismo accessibile

Interventi per un turismo accessibile

Il comune di Stra ha aderito a due “Ipa – intesa programmatica d’area”, per un totale di 3,3 milioni di euro, per finanziare due progetti: uno di adeguamento delle barriere architettoniche di accesso ai pontili, per facilitare i turisti a raggiungere dalle imbarcazioni le ville e i luoghi di visita; e un progetto cicloturistico tra il Brenta e la Saccisica assieme ai 10 comuni facenti parte di questo territorio. Il primo progetto, “SuperAbile”, punta alla creazione di percorsi di accesso facilitato dal piano acqueo al piano stradale, per favorire la fruibilità dei siti di interesse culturale da parte di persone con ridotta capacità motoria. “Ritenendo che l’intervento — spiega l’amministrazione comunale di Stra — possa essere di beneficio a tutti i cittadini ed i turisti che abitano e visitano comuni che si affacciano lungo il Naviglio del Brenta (Stra, Fiesso, Dolo e Mira), il Comune di Stra intende farsi capofila di questa iniziativa”. L’intervento prevede due tipologie di azione. “Eliminazione degli ostacoli fisici che limitano o impediscono la piena mobilità degli utenti e in particolare delle persone con una ridotta o impedita capacità motoria — spiega il documento di presentazione — e installazione di accorgimenti e segnalazioni per l’orientamento, la riconoscibilità delle fonti di pericolo e la maggiore fruibilità dei luoghi e degli elementi di attrattività anche mediante l’utilizzo di tecnologie innovative”. Il secondo progetto riguarda il “Percorso Cicloturistico del Brenta”. “I comuni rientranti nell’Ipa della Riviera del Brenta, stanno lavorando da due anni al potenziamento del cicloturismo — si legge nel testo — dapprima con un accordo d’intesa e la realizzazione di un progetto e master-plan preliminare da parte del Ciset e successivamente con la sottoscrizione di una convenzione. E’ stato individuato, nella prima fase progettuale, un percorso attualmente esistente e in parte già fruibile, lungo 95 km. Già nel corso dell’anno 2014, si sono avviate le prime azioni di valorizzazione e sensibilizzazione del progetto. Il 6 aprile 2014 si è svolta “Pedalando sulle terre del Brenta”, una iniziativa che ha visto partecipare numerose associazioni di cicloamatori locali e centinaia di cittadini, oltre che turisti”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette