Home Veneziano Chioggia Approda a Chioggia la prima nave da crociera

Approda a Chioggia la prima nave da crociera

Lunedì 22 settembre è stata una giornata memorabile per Chioggia dal momento che all’Isola dei Saloni è attraccata la nave da crociera, Louis Majesty della compagnia Thomson, colosso di oltre 40 mila tonnellate, che trasporta più di 1600 passeggeri e circa 600 membri di equipaggio.
L’imbarcazione, partita da Corfù dopo aver toccato Koper, in Slovenia, è approdata a Chioggia per proseguire con Zadar, Dubrovnik, Kotor per tornare infine a Corfù.
La Majesty è giunta a Chioggia grazie all’agenzia marittima di Genova Hugo Trumpy che in passato si era prodigata per l’arrivo di navi più piccole come la Arion nel 2007 e la Berlin nel 2012. La stazione marittima dei Saloni, grazie al Centro Polifunzionale di 1200 metri realizzato dall’Azienda Speciale per il Porto di Chioggia della Camera di Commercio di Venezia, ha accolto i turisti che hanno potuto scegliere tra il giro turistico a Venezia e una visita del centro storico. A gestire le operazioni logistiche è stata la nuova società C.T.C., Chioggia Terminal Crociere, costituita da Camera di Commercio e Comune di Chioggia il 5 maggio scorso.
“Non si tratta di una sperimentazione,- dichiara l’amministratore unico di Ctc, Giuseppe Molin – bensì di un allenamento per un futuro prossimo così da avere un maggior numero di navi e farle arrivare in questo porto. Vogliamo collaborare ed essere complementari a Venezia, creare un sistema sinergico tra gli attori coinvolti offrendo più sviluppo a questa area sud di Venezia”.
“Abbiamo deciso d’intervenire, nonostante il momento di crisi – afferma il Presidente della Camera di Commercio, Giuseppe Fedalto – scegliendo di investire su un’infrastruttura che punta a valorizzare non solo Chioggia ma anche le realtà limitrofe”.
“Oggi è una giornata storica – conclude il sindaco di Chioggia, Giuseppe Casson – perché l’arrivo della Majesty rappresenta un primissimo segnale positivo per la città anche in termini di occupazione. C’è ancora molto da fare, in primis dobbiamo lavorare per migliorare i fondali così accogliere navi ancora più grandi e divenire meta privilegiata delle navi turistiche”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette