Home Veneziano Chioggia L’assessore Maurizio Salvagno: “Il fermo pesca fa bene al mare”

L’assessore Maurizio Salvagno: “Il fermo pesca fa bene al mare”

“Il fermo pesca fa bene al mare” questo il primo commento dell’assessore alla Pesca di Chioggia, Maurizio Salvagno, ai dati presentati dall’ISPRA in settembre sullo stato delle risorse biologiche nelle acque del Veneto post fermo pesca.
“I pescatori dimostrano grande maturità nell’affrontare i 45 giorni di stop — continua Salvagno — perché sono consapevoli dei benefici di questa pausa”.
In effetti il 2014 registra un aumento del 15% di pescato nel mare di Chioggia e della provincia di Venezia. I prezzi si mantengono buoni, anche grazie all’entrata in vigore del nuovo calendario di fermo biologico differenziato tra alto e medio Adriatico. Tuttavia, l’insieme dei dati raccolti nel triennio 2012-2014 dai ricercatori ISPRA suggeriscono la necessità di estendere il periodo d’interruzione temporanea, per permettere una maggiore protezione delle fasi giovanili di molte specie commerciali.
“Al fine di contenere lo sforzo di pesca – aggiunge l’assessore alla Pesca – si stanno valutando anche misure sperimentali da adottare nelle dieci settimane successive al fermo biologico. L’ipotesi è di consentire ai pescatori di uscire in mare inizialmente per tre giorni e poi, trascorsi i 10 giorni di ripresa delle attività, tornare a pescare per 4 giorni a settimana, per un totale di 60 ore; 72 ore per le flotte più grosse. In questo modo l’attività di pesca verrebbe diluita in un arco temporale più ampio e — conclude Salvagno – la protezione delle risorse sarebbe coniugata al rendimento economico del settore”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette