Home Veneziano Chioggia Maurizio Salvagno: “Turismo, volano economico per il nostro territorio”

Maurizio Salvagno: “Turismo, volano economico per il nostro territorio”

Si è svolta venerdì 10 ottobre a Sottomarina un incontro pubblico organizzato dal gruppo regionale del Partito Democratico per delineare un bilancio a un anno dall’entrata in vigore della nuova legge regionale n.11 del 2013 in tema di turismo. Presenti i rappresentanti delle associazioni di categoria, degli enti locali, delle organizzazioni sindacali dei lavoratori, tecnici e addetti del settore. Introdotti da Lucio Tiozzo, capogruppo PD Veneto, sono intervenuti il segretario regionale, Roger De Menech e il consigliere Roberto Fasoli, insieme al direttore del Dipartimento del Turismo per la Regione Veneto, Paolo Rosso; l’assessore al turismo di Chioggia, Maurizio Salvagno e Stefano Ceci, consigliere del Ministro al Turismo e alla Cultura Franceschini.
Il Veneto si conferma la prima regione d’Italia per presenze turistiche. I visitatori sono prevalentemente stranieri, ma i fedelissimi tedeschi, olandesi, francesi e americani si ritrovano sempre più spesso in compagnia di turisti provenienti dai paesi BRIC (Russia, Brasile, India e Cina), in crescita esponenziale.
“Il comparto turistico rappresenta un volano economico per il nostro territorio — afferma Maurizio Salvagno, assessore al Turismo — e origina un’economia tre volte e mezzo superiore a quella prodotta da agricoltura, tessile e abbigliamento. Per questo motivo il legislatore regionale deve dedicare un’attenzione particolare alle realtà locali e favorire una collaborazione tra imprenditori ed enti territoriali perché si realizzi una vera condivisione progettuale e organizzativa del turismo”.
Tra le novità apportate dalla legge 11, infatti, vi è la sostituzione dei vecchi uffici APT con Organizzazioni di Gestione della Destinazione (OGD), ovvero un tavolo permanente tra amministrazione locale e associazioni di categoria che si occuperà di organizzare e gestire l’offerta turistica valorizzando le caratteristiche e tipicità del suo specifico territorio. Gli uffici di Informazione e Accoglienza Turistica diventeranno il braccio operativo delle ODG, mentre le amministrazioni comunali lasceranno che siano solo le imprese a riunirsi in consorzio. Le statistiche mostrano che sono i primi venti comuni della classifica a richiamare il 65% delle presenze turistiche venete. In testa Venezia e Cavallino, mentre Chioggia si attesta all’undicesimo posto.
Quest’anno le spiagge di Sottomarina hanno registrato un calo del 25% a causa delle condizioni meteo sfavorevoli, aggravate dal fatto che i suoi frequentatori provengono per lo più dal pendolarismo padovano, vicentino e veronese.
“La nostra città ha grandi potenzialità turistiche — aggiunge Salvagno — e deve cominciare ad allungare la sua stagionalità ben oltre i tre mesi estivi. Per questo, l’assessorato al Turismo sta collaborando con Cultura e Ambiente in modo tale da instaurare tutte quelle formule di comunicazione esterne che, sì comportano un sacrificio economico, ma vale la pena di usare per attrarre sempre più pubblico a Chioggia — e conclude – Ci auguriamo dunque che la Regione, in virtù di questo nuovo disegno di legge, possa starci vicino concretamente, ovvero finanziariamente e amministrativamente”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette