Home Veneziano Miranese Sud Emergenza casa, tante famiglie in difficoltà

Emergenza casa, tante famiglie in difficoltà

A Santa Maria di Sala, da alcune settimane, è aperto il bando per la richiesta di alloggi Ater ma, a quanto pare, mancano gli alloggi da assegnare. “Siamo obbligati per legge — dice l’assessore Gabriele Ragazzo — a emanare il bando anche se non abbiamo case a disposizione, e intanto i nostri cittadini vivono il problema casa. Non abbiamo alloggi da assegnare, né residenze per tamponare i casi di emergenze sociali o di sfratti, e questo rischia di creare grossi disagi. Sono due anni e mezzo che, tra incontri a Venezia e funzionari Ater che periodicamente ci vengono a trovare in comune, non combiniamo niente e perdiamo solo tempo. In questi mesi abbiamo pressato in tutti i modi l’Ater, che però ha diversi problemi: il turn over dei dirigenti è continuo e ci sono diverse inchieste aperte da parte della Magistratura”. A metà ottobre l’amministrazione ha incontrato Roberta Carrer, nuovo direttore generale dell’Ater. “Abbiamo ottenuto rassicurazioni, impegni e disponibilità che ci fanno ben sperare — commenta il sindaco — ma continueremo comunque a monitorare la situazione giorno per giorno”. Nella riunione sono stati affrontati casi singoli, cui l’Ater si è impegnato a dare una rapida risposta. Per quanto riguarda gli alloggi in via dei Salici, dove i canoni di affitto sono alti (anche 480 euro al mese per un mini), l’Ater ha assicurato che rivedrà i canoni, ma non in tempi brevi, dal momento che l’azienda è oggetto di controllo da parte della Corte dei Conti e dell’Autorità giudiziaria e deve attendere un provvedimento definitivo sulla determinazione dei canoni di locazione non Erp. “All’interno del complesso ci sono anche nove alloggi vuoti, sfitti da dieci anni, che cominciano ad avere ovvi problemi di decadimento — spiega Ragazzo — è da più di un anno che chiediamo all’Ater di abbassare i canoni, e di rendere disponibili gli alloggi chiusi. Attualmente abbiamo il problema di tre sfratti esecutivi da affrontare, di famiglie anche con bimbi piccoli”. A Santa Maria di Sala ci sono 70 alloggi Ater nel capoluogo, 12 a Caltana e 10 a S.Angelo. Di questi solo cinque sono vuoti, uno è già assegnato ma in ristrutturazione, e gli altri non sono affittabili perché gli impianti non sono a norma. L’Ater non ha i soldi per sistemarli perché la Regione ha tagliato i fondi. Sono stati messi all’asta ma, vista la situazione del mercato immobiliare nessuno si è fatto avanti. Accade invece il contrario per gli alloggi in via delle Ginestre, Faggi e Betulle, dove gli stessi inquilini vorrebbero acquistare. Il comune ha quindi chiesto che vengano inseriti nel Piano vendite dall’Ater, che si è impegnata a valutare la proposta. L’amministrazione ha inoltrato la richiesta all’Ater di avere il diritto di prelazione per gli alloggi siti in Via Monte Santo, sfitti e all’asta. L’intenzione è di valutare una ristrutturazione, con l’impiego di associazioni Onlus e destinare gli alloggi al Servizio Sociale.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette