Home Padovano Conselvano Ospedale a Schiavonia

Ospedale a Schiavonia

Lo scorso 5 novembre è entrato ufficialmente in funzione il nuovo ospedale per acuti di Schiavonia, struttura che si estende su 250 mila metri quadri e che può contare su 450 posti letto. Del nuovo polo unico si è già scritto e detto molto. Ma cosa rimarrà delle “vecchie” strutture di Este, Monselice, Conselve e Montagnana?. I quattro ospedali non saranno svuotati interamente. Ecco infatti l’elenco dettagliato dei servizi che l’Usl 17 manterrà nelle singole strutture, che comunque in parte saranno dismesse. Nell’ospedale di Este resteranno tutte le attività oggi concentrate nel distretto e quelle afferenti al dipartimento di Prevenzione (inclusa Veterinaria). Inoltre, per quanto riguarda le prestazioni specialistiche in regime ambulatoriale, resteranno: Cardiologia (controllo, Ecodoppler, Prima visita), Consultorio ginecologico e ostetrico, Dermatologia, Diabetologia, Consultorio Nutrizionale, Medicina dello Sport (certificati), Neuropsichiatria Infantile, Pneumologia, Ambulatorio Igiene e Sanità Pubblica, Patenti-Porto d’armi-T.Reazione, Psichiatria, Reumatologia, Ambulatorio del gioco d’azzardo patologico, Ser.D, Servizio Veterinario. A Conselve non sono previste variazioni: più in dettaglio resteranno tutte le attività ambulatoriali e di distretto, oltre a Riabilitazione e Lungodegenza che come noto è stata potenziata negli ultimi anni; rimane inoltre anche l’ospedale di comunità. Anche a Monselice sono confermate le attività del distretto, oltre che le seguenti prestazioni in regime ambulatoriale: Consultorio ginecologico e ostetrico, Dermatologia, Balbuzie e ipoacusia, Neuropsichiatria infantile, Odontoiatria, Pneumologia, Psichiatria, Ambulatorio Igiene e Sanità Pubblica, Patenti-Porto d’armi-T.Reazione, Reumatologia, Ambulatorio del gioco d’azzardo patologico, Ser.D, Servizio Veterinario. A Montagnana resteranno tutte le attività ambulatoriali e di distretto, oltre alla Riabilitazione e Lungodegenza; rimarranno inoltre anche l’ospedale di comunità e l’hospice. È previsto inoltre il mantenimento di un servizio di sportello Cup in tutti i presidi di Conselve, Este, Monselice e Montagnana. La dotazione di personale sarà tuttavia rimodulata sulla base delle affluenze che saranno registrare nelle settimane successive all’entrata in funzione del nuovo ospedale. L’attività ambulatoriale a Schiavonia è cominciata il 6 novembre, mentre il primo ricovero è del 10 novembre. Dopo i primi giorni di assestamento nelle prossime settimane la struttura enterà a pieno regime.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette