C’è un nuovo soggetto politico in città

coordinamento civicoNasce con un obiettivo ambizioso ma allo stesso tempo altamente democratico il Coordinamento civico per il Bene comune che, nelle ultime settimane, ha portato all’attenzione della cittadinanza e dell’amministrazione diverse tematiche relative a città e dintorni.“Soffocata da una politica sempre più disinvolta e sempre meno attenta ai beni comuni, Adria sembra essersi arresa. E’ una resa silenziosa ma inesorabile che si manifesta nella sconfitta della cultura, nell’assenza degli spazi per i giovani, nelle serrande dei negozi abbassate, nella mancanza di opportunità – dice Michela Grotto, portavoce del Coordinamento – E come spesso accade i momenti più difficili sono anche quelli delle grandi occasioni. Oggi è per noi l’occasione di partecipare in vita politica della città, unendo forze, conoscenze, competenze, impegno, passioni. Per tutto questo è nato il Coordinamento Civico Per il Bene Comune, fortemente voluto da persone che, da semplici cittadini, continuano a seguire le vicende politiche e le relative ripercussioni sulla vita della città. Affronteremo i problemi veri, quelli che toccano da vicino e direttamente la nostra comunità”. L’invito a partecipare è aperto a tutti. “Apportando – prosegue Grotto – le peculiarità proprie di ognuno di noi. Possiamo fare molte cose insieme: dallo sviluppo di proposte per migliorare la qualità della nostra vita, alla valorizzazione delle eccellenze locali, alla salvaguardia del territorio, fino all’apertura di una breccia per nuove opportunità. Nel coordinamento cooperano liste civiche e partiti politici come Impegno Comune, Liberi Cittadini, Sel e Rifondazione Comunista insieme ad alcuni attivisti adriesi del Comitato per l’Articolo 32, ma anche uomini e donne senza appartenenza alcuna con la voglia di contribuire alla rinascita di questa città. Se l’unione fa la forza noi faremo anche la differenza e dimostreremo come sia possibile superare le individualità per il bene di Adria e delle sue frazioni, in due parole: Per il Bene Comune”.
Diversi sono stati gli argomenti e le tematiche sino ad ora affrontati dal Coordinamento, ognuna delle quali frutto di uno studio dettagliato della situazione e di segnalazioni da parte di amministratori e cittadini. La variante di Via Amolaretta, il futuro e la situazione attuale della Casa di riposo di Adria, il progetto Borghi Autentici d’Italia, la gestione dei rifiuti e la questione legata ai contributi alle associazioni.
Ultimo in ordine cronologico è stato l’incontro del 15 dicembre scorso aperto alla cittadinanza de- dicato alla situazione dei trasporti pubblici attivi sul territorio di Adria che negli scorsi mesi sono stati oggetto di revisione da parte delle ditte preposte a tali servizi.
L’incontro, tenutosi presso il Bar Centrale di Corso Vittorio Emanuele II, ha affrontato anche i temi del turismo e della visitazione. “Parliamo tanto di turismo – è stato detto – ma cosa facciamo per facili- tare i trasferimenti da e per: il Delta del Po, le spiagge della nostra costa, Venezia, Padova o Ferrara?”.
Questioni importanti e che toccano da vicino la vita in città. Tematiche che molto probabilmente saranno anche alla base delle prossime elezioni am- ministrative in città.

di Martina Celegato

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento