Home Rodigino Delta Il Comune punta deciso sui velo box

Il Comune punta deciso sui velo box

ROSOLINA – Anche il comune di Rosolina sceglie di adottare i velobox per dissuadere dalla velocità i conducenti che sfrecciano lungo alcune vie del territorio comunale. L’installazione delle due colonnine di colore arancione ha previsto un investimento di 3.146 euro nell’ambito dei proventi delle sanzioni per le violazioni delle norme al codice della strada, in linea con quanto previsto dal piano sulla sicurezza stradale messo in campo dall’amministrazione comunale di Rosolina.

Lo scopo è di portare una maggior sicurezza per i residenti che più volte si sono rivolti alle istituzioni lamentando l’alta velocità nel centro cittadino di alcune vetture. La motivazione che ha disposto e dato direttive circa l’installazione dei dissuasori di velocità risiede proprio, come fa sapere il comandante della polizia locale Patrizio Targa, nella constatazione di un’aumentata percezione di insicurezza nella cittadinanza relativamente alla tutela della pubblica incolumità degli utenti della rete stradale comunale. Le due zone identificate per il posizionamento delle due strutture corrispondono a via Borgata Volto e in via Po Brondolo.

“Questi strumenti – come espresso dal comandante Targa – hanno lo scopo di aumentare l’effetto dissuasivo della velocità e sono utilizzabili nei centri abitati dove non è possibile utilizzare altri strumenti analoghi. Sono concepiti in modo da risultare visibili agli utenti della strada, mediante una luce lampeggiante gialla. Detto questo, sotto il profilo tecnico si tratta di contenitori destinati ad accogliere gli apparecchi per la misurazione della velocità, che devono essere presidiati dalla Polizia, in modalità automatica”. Affinchè gli apparecchi siano attivi è quindi sempre necessaria la presenza degli agenti della polizia.

velobox rosolina“L’obiettivo è la sicurezza stradale – conclude Targa – sulle strade indicate si corre troppo e, considerando la presenza di molte abitazioni, la mancanza di marciapiedi oltre alla ristrettezza della sede viaria, per la tutela dell’incolumità dei pedoni è necessario intervenire anche con detta strumentazione oltre con pattuglie che già da qualche tempo in sinergia con l’arma dei Carabinieri si controllo il territorio comunale”.
Elisa Cacciatori

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette