Home Riviera del Brenta Riviera Est In funzione i nuovi vista red

In funzione i nuovi vista red

semaforijpg_22087CAMPOLONGO -Il Comune punta ad aumentare la sicurezza stradale con i nuovi impianti vista red. Gli automobilisti insomma sono avvisati. Dal primo dicembre sono cominciati i controlli e per chi sgarra e passa con il rosso, mega multa e taglio dei punti patente. A spiegarlo sono l’assessore Giancarlo Fanton e il sindaco Alessandro Campalto.

“Si sono conclusi in tempi record nelle scorse settimane – dicono – i lavori di installazione dei punti di rilevazione (telecamere) a ridosso dei semafori sugli incroci di Bojon, lungo via XXV Aprile e via IV Novembre, e sugli incroci di Liettoli, lungo Via Trentino e via Alto Adige”. Si tratta del sistema Vista red, omologato per l’accertamento in modalità automatica delle infrazioni del codice della strada. “Gli impianti installati – spiega il Comune – funzionano senza l’ausilio di flash, e quindi non sono percettibili dagli utenti della strada. Questo per evitare sbandamenti del conducente e atti vandalici. Rilevano i veicoli in infrazione mediante una coppia di spire elettromagnetiche. Il filmato è digitale: il file è memorizzato in formato compresso e non modificabile, ai fini della sicurezza e della integrità del dato, è omologato per funzionare in modalità automatica, senza la presenza dell’organo di polizia”.

La decisione di installare le telecamere per controllare i passaggi con il semaforo rosso è stata assunta, assicura il Comune esclusivamente per ragioni di sicurezza. “Questo – dice l’assessore Fanton – è dimostrato dai documenti tecnici di progettazione, fatti per capire se vi erano nella viabilità comunale punti particolarmente critici, ed eventualmente come risolvere i connessi problemi per la salvaguardia degli utenti della strada”. Anni fa, sempre a Campolongo Maggiore, vennero installati altri impianti di controllo, durante l’ex amministrazione guidata dal sindaco Roberto Donolato, ma vennero rimossi in seguito ad una indagine della magistratura di Milano, che scoprì come dietro alla ditta che li forniva (e li forniva a quasi tutto il territorio italiano) ci fosse un raggiro milionario. Stavolta sembra tutto a posto, almeno da questo punto di vista. Per chi fosse interessato a capire nei dettagli come funzionano questi impianti, è possibile consultare i documenti tecnici pubblicati sul sito del Comune: www.comune.campolongo.ve.it. Info tel. 049.5849140 fax 049.5849.

 

Alessandro Abbadir

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette