L’orgoglio della “Rocca”

Grappoli di palloncini neroverdi, uno striscione appeso con le scritte rigorosamente con i colori societari “primi dall’inizio alla fine” tutto questo all’entrata dell’auditorium dell’istituto tecnico Kennedy di Monselice per la serata dedicata alla presentazione della squadre della Rocca.

finessoAll’interno sala stipata in ogni ordini di posto con giocatori (250 tesserati a coprire tutte le categorie dai più piccoli alla prima squadra) tecnici, dirigenti, genitori e simpatizzanti del club. Ragguardevole anche il parterre degli ospiti sistemati in un palco sopraelevato rispetto la sala. A condurre la serata lo spiker Marco Lanza che tra la presentazione di una squadra e l’altra concedeva microfono e parola ai vari personaggi presenti, ecco allora le parole del “grande capo del calcio regionale” Giuseppe Ruzza: “questa è tradizionalmente una società importante perché da sempre ha una predilezione per il settore giovanile, ricordiamoci che una società senza settore giovanile è come una persona senza scarpe, non fa strada”. Poi una raccomandazione ai genitori: “Lasciamo tranquilli i ragazzi, pochi di loro saranno campioni, ma tutti hanno il diritto di giocare senza dannose forzature”.

Di grande impatto le dichiarazioni del responsabile del settore giovanile Bernardo Guariento: “Non scordiamo le nostre radici che partono dal patronato, dobbiamo continuare con lo spirito che vige in quel luogo: rispetto amicizia gioia e divertimento”. Presente anche il consigliere regionale Stefano Peraro e per l’amministrazione locale l’assessore allo sport Andrea Tasinato: “ abbiamo il dovere di impegnarci per far crescere sempre di più queste straordinarie realtà”. Anche la stampa era ben rappresentata da Ottorino Cavinato defi nito dallo spiker “la penna del calcio giovanile”. “Sono sempre felice di tornare qui- ha detto Cavinato – dove anni fa ho allenato ottenendo anche buoni risultati, in bocca al lupo a tutti giocatori e società”.

Auguri e saluti anche dagli arbitri della sezione di Este portati dal presidente Enrico Zago. Grande protagonista naturalmente il presidente neroverde Claudio Finesso, che ha annunciato un connubio con l’Avis locale: “sport e solidarietà a braccetto” ha consegnato il gagliardetto neroverde a tutti gli ospiti in ricordo della bella serata e ha avuto parole di ringraziamento e incoraggiamento per tutti, non dimenticando di augurare pronta guarigione a Mauro Contato un ex mister neroverde bloccato su un letto d’ospedale dopo un incidente stradale.

 

di Walter lotto

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento