martedì, 28 Giugno 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeRodiginoPer i commercianti, Natale con malcontento

    Per i commercianti, Natale con malcontento

    Banner edizioni

    comune rovigoLa consueta atmosfera dicembrina, fatta di luci intermittenti e jingle ad ogni angolo di strada, potrebbe risultare più pasticciata degli anni scorsi e celare un dietro le quinte inaspettato, con disorganizzazione, egoismi e polemiche a prevalere nell’ombra. A fare da portabandiera del malcontento dei commercianti del centro è Alberto Borella, del consorzio Tutt’in piazza: “Siamo a fine novembre e non è stato deciso ancora niente di concreto dal Comune, siamo in una situazione che rasenta l’incredibile. Sembra che le luminarie siano la panacea per il rilancio economico della città, eppure, fino a ora, non si sa ancora chi se ne sobbarcherà i costi. L’unico evento natalizio completamente auto-finanziato sarà il nostro –  sottolinea Borella – dei proprietari delle attività di via Cavour. Ci siamo auto-tassati, io ho tirato fuori 500 euro, così da non pesare sul Comune o la Camera di commercio”.

    E così Max Mara, Thun, di proprietà di Borella, Ninnoli e Bomboniere, la profumeria Manfrin, la Benetton, il Crimi bar e l’osteria ai Trani, tra gli altri, renderanno la via un’appendice della Lapponia. “Tutti i sabato e domenica di dicembre la stradina si popolerà di elfi. Sarà allestito il villaggio degli elfi, con casette dove a tutti quelli che vorranno sarà scattata una foto ricordo con queste creature magiche della mitologia nordica”. Non possono mancare barbe bianche e casacche rosse. “Avremo i babbi Natale pieni di doni sia per i bambini buoni che per i cattivi” – sottolinea – le lanterne appese fuori da ogni ingresso di via Cavour e gli animatori per i piccoli che li faranno giocare e li truccheranno mentre le mamme si dedicheranno allo shopping”.

    Il nodo da sciogliere quest’anno è, manco a dirlo, la presenza del commissario prefettizio Claudio Ventrice e quindi, di fatto, “la mancanza di un assessorato forte – continua Borella – che, come nelle passate edizioni, dirottava i fondi di palazzo Nodari dove e a chi servivano. Zangirolami si batteva per far avere al centro un Natale degno di questo nome e lo faceva per tempo”. Altro ostacolo, infatti, oltre alla caduta della giunta Piva è il mantra con cui ormai le amministrazioni apostrofano chiunque chieda sostegno concreto: “Non ci sono soldi”. “L’albero di Natale” – prosegue il rappresentante di Tutt’in piazza, “ci sarà solo perché il grande pino è stato donato al comune di Rovigo da una cittadina dell’Alto Adige, non certo perché qualcuno si sia preoccupato di comprarlo”.

     

    Elisa Dall’Aglio

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Giorgia Gay
    Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

    Le più lette

    Banner edizioni