Home Veneziano Miranese Sud “Ricomincio da qui”, sportello per ripartire

“Ricomincio da qui”, sportello per ripartire

presentazione progetto Ricomincio da qui a SpineaSolo, senza lavoro, con problemi di alcolismo e senzatetto, dopo aver perso la madre ed essere stato cacciato fuori casa dal padre. Lo chiamiamo Paolo (il nome è di fantasia), un disperato, figlio della crisi, relegato ai margini dalla società: ha avuto però la fortuna di incontrare le volontarie dello sportello “Ricomincio da qui” di Spinea, che l’hanno aiutato a risollevarsi.

La speranza è tornata con un lavoro: sei mesi, in un’azienda cantieristica veneziana, attraverso un’agenzia interinale con la quale le volontarie sono riuscite a mettersi in contatto e trovare una soluzione per lui. Alla fine il contratto gli è stato rinnovato e ora Paolo è assunto nella sua nuova azienda. Dormiva in strada, ora ha ricominciato a vivere. E’ solo uno dei casi, forse il più eclatante degli ultimi mesi, con il quale si sono trovati a operare i volontari dello sportello di Spinea, creato da ex dipendenti del ricollocamento, che hanno deciso di mettere a disposizione gratuitamente il loro tempo per gli altri, in particolare in ambito lavorativo, uno dei più sollecitati in questo tempo di crisi.Come Paolo, sono molti i cittadini che in questi mesi si sono affacciati allo sportello chiedendo un lavoro.

In tutto 255 persone, 134 donne e 121 uomini, in un solo anno di attività. Si tratta soprattutto di disoccupati e inoccupati, tra i 20 e i 50 anni, con diploma di scuola media, inferiore o superiore (solo 3 gli uomini e 19 le donne con una laurea). Di questi poi, 70 sono stranieri che vivono a Spinea. Per loro e per altri che ancora allo sportello non si sono rivolti, “Ricomincio da qui” ha pensato a un corso di otto incontri formativi gratuiti, per insegnare strategie per trovare, conservare e migliorare il posto di lavoro. Comune e volontari dello sportello si sono affidati a esperti del settore e soprattutto alle ultime tecniche di valorizzazione dell’autostima, che spesso, viene prima di un’occupazione: “Il progetto è incentrato su un aspetto – spiega Isabella Tonet – per la prima volta ci adeguiamo al mercato del lavoro: le aziende non cercano più solo l’esperienza, ma la competenza e noi su quello puntiamo. L’esperienza è un curriculum, la competenza va fatta emergere”.

“Ricomincio da qui” lo farà anche con l’aiuto dei cavalli: il corso si terrà infatti in Comune e, con lezioni all’aperto, alle scuderie Elloc di Borbiago. Pare infatti che il rapporto uomo-cavallo abbia effetti positivi sull’autostima delle persone e migliori la capacità di ognuno nel valorizzare le capacità, e percepire meglio le proprie qualità. “Lo facciamo grazie a professionisti che hanno lavorato nel mondo del lavoro e in più conoscono il territorio e le sue opportunità – spiega l’assessore ai Servizi sociali Laura Rosanova – consapevoli che in questa situazione di crisi è essenziale la cultura del mutuo aiuto, inteso come dono”. A guidare gli incontri saranno professioniste con esperienza.

di Filippo De Gaspari

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette