Home Veneziano Cavarzere Tommasi: "Dopo tre anni i conti sono tornati in positivo"

Tommasi: “Dopo tre anni i conti sono tornati in positivo”

???????????????????????????????È consuetudine alla fine dell’anno stilare un bilancio sugli avvenimenti accaduti nei 365 giorni che ci si è lasciati alle spalle ed è giusto chiedere conto anche all’amministrazione comunale di Cavarzere dell’attività svolta nel 2014. “Dopo tre anni, finalmente i conti del Comune sono tornati a registrare un saldo positivo – afferma il sindaco Henri Tommasi – e Cavarzere ora è diventato uno dei cosiddetti comuni virtuosi, un risultato davvero importante ottenuto non gravando eccessivamente di tasse i cittadini: infatti l’aliquota applicata della Tasi è del 2,4 per mille, al di sotto della media nazionale e più bassa anche di quella applicata nelle zone limitrofe e lo stesso vale anche per l’Imu”.
“Per quanto riguarda i servizi – continua Tommasi – sono molto orgoglioso dell’avvio del Servizio Educativo a Domicilio (Sed): si tratta di un servizio comunale rivolto a minori che sono già seguiti dai servizi sociali o che vivono in famiglie con difficoltà socio economiche e carenze educative gravi, che necessitano pertanto di sostegno e di recupero sia in ambito socio educativo che scolastico; è stata creata la “casetta” dell’acqua, un piccolo ma grande ausilio per la cittadinanza che permette di risparmiare e di tutelare maggiormente l’ambiente riducendo l’uso di bottiglie di plastica; inoltre è stato implementato il nuovo sito del Comune di Cavarzere ( progetto che ha richiesto un anno e mezzo di lavoro, alla luce della necessità di adeguarlo alle nuove norme sulla trasparenza) ed è stato aperto il Centro Unico Cottura che fornisce i pasti alla casa di riposo e alle mense delle nostre scuole, importante come servizio e anche come opportunità di lavoro per i cittadini; infine è stato raggiunto l’obiettivo di portare l’indirizzo agrario al IISG. Marconi-Veronese, che è un vero fiore all’occhiello per il nostro paese, in quanto la mancanza di questo percorso scolastico nelle vicinanze può portare all’istituto cavarzerano molti studenti”.
“Dal punto di vista culturale – interviene il vicesindaco e assessore alla Cultura Paolo Fontolan – è stata impostata un’intensa attività teatrale, all’insegna della qualità e della varietà, con appuntamenti che hanno riscosso un notevole successo sia di pubblico sia di critica, realizzati sia valorizzando le realtà locali sia creando rapporti proficui con istituzioni importanti (la Fenice di Venezia, il Conservatorio di Adria, Arteven); inoltre sono state riproposte le feste d’estate (Vivi lo sport, la Festa della solidarietà, la Notte Bianca) e l’evento del concerto lirico-sinfonico del Coro Orchestra Tullio Serafin, mentre per quanto riguarda lo sport, sono stati inaugurati i nuovi campi da tennis dotati di pallone pressostatico che stanno richiamando molti appassionati della racchetta”.
“Infine, per il settore urbanistico e delle opere pubbliche – aggiunge il sindaco Tommasi –, sono state asfaltate la rampa dell’ospedale, via Galilei, un pezzo di via Beggiolina, abbiamo avviato i lavori per la regimentazione delle acque nel centro cittadino, sono state ultimate le condotte di via Spalato e di via Gramsci e soprattutto si è arrivati ormai al bando per la costruzione del nuovo ponte di Boscochiaro che sarà ultimato, presumibilmente, entro la fine del 2015, infine si è giunti alla chiusura della variante n°3 del PI, modificando il Piano regolatore, per tener conto delle esigenze particolari del nostro territorio.”

Le cose fatte e quelle da fare- Il capogruppo di Forza Italia annuncia “2015, opposizione sul piede di guerra”

Anche il 2015 vedrà l’opposizione guidata da Pier Luigi Parisotto sul piede di guerra contro l’amministrazione Tommasi: “soprattutto dopo lo scandalo del “ponaro” di via dei Martiri in cui si continua a sperperare soldi pubblici per la manutenzione – afferma il capogruppo di FI – l’amministrazione è arrivata addirittura ad installare una telecamera a protezione dell’opera, evitando di metterla in molte altre zone del paese dove ce ne sarebbe maggior bisogno. Un altro spreco è il denaro speso per il verde pubblico: 110.000 euro di costi fissi più i costo degli smaltimenti, tuttavia la giunta non ha rinunciato a riportare lo stipendio al 100%, dopo il taglio conseguente allo sforamento del Patto di stabilità, applicando invece una aliquota Tasi tra le più alte, il 2,4 per mille, la massima essendo del 2,5 (il 3,3 soltanto se si prevedono le soglie di esenzione)”. “Mi auguro soltanto – conclude Parisotto – che il rifacimento del ponte di Boscochiaro sia portato a termine velocemente, altrimenti si correrebbe il rischio di perdere i fondi del Patto Territoriale della Venezia Sud (1.000.000 di euro a fondo perduto), ma finora la giunta si è mossa lentamente perché i lavori dovrebbero già essere in moto: Tommasi dice che il ponte sarà ultimato alla fine del prossimo anno, io penso che, ben che vada, sarà finito alla fine del 2016 e con grande disagio della popolazione residente per il tempo da trascorrere con la viabilità compromessa”.

 

di Nicola Ruzza

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette