Home Veneziano Chioggia Un bonus bebè da 500 euro per le famiglie chioggiotte, ne beneficeranno...

Un bonus bebè da 500 euro per le famiglie chioggiotte, ne beneficeranno 120 bambini

bonus bebèIn arrivo un contributo economico per tutti i nuovi nati e i bambini presi in adozione nel 2014. La giunta Casson anticipa il governo Renzi e stanzia un bonus bébé di 500 euro una tantum destinato alle famiglie che hanno accolto o accoglieranno un figlio entro la fine dell’anno. “Il provvedimento conferma l’attenzione posta dall’amministrazione alle politiche del Welfare in questi anni – afferma Massimiliano Tiozzo, assessore ai Servizi Sociali – Dopo il bonus pendolari, abbiamo studiato uno strumento ad hoc per il sostegno delle famiglie chioggiotte, che non si sovrapponesse o sostituisse ad altre misure di assistenzialismo. Il bonus bébé sarà un aiuto in più”.

Si stima che i nuovi nati nel 2014 saranno circa 300, ma a godere dei 60.000 euro stanziati dalla giunta saranno 120 bambini. “Abbiamo raddoppiato i fondi dedicati inizialmente a questo provvedimento – continua Tiozzo – ma piuttosto che dare poco a tutti, abbiamo preferito erogare una somma più dignitosa alle famiglie maggiormente in difficoltà.” Potranno beneficiare dell’assegno comunale tutti i nuclei familiari residenti a Chioggia da almeno un anno e il cui reddito non superi il limite ISEE di 20.000 euro al momento della presentazione della domanda. “Il bonus bébé coinvolgerà non solo le famiglie indigenti – spiega Massimo Grego, dirigente dei Servizi Sociali – ma anche i nuclei monoreddito o i lavoratori dipendenti con più figli e che non navigano nell’oro”.

Il bando sarà pubblicato nelle prime settimane del 2015 e da quel momento sarà possibile presentare domanda nelle modalità indicate. “Si tratta di una misura in linea con le priorità della giunta a sostegno del sociale e della maternità – aggiunge il sindaco, Giuseppe Casson – Questo sussidio risponde alle indicazioni della legge vigente 194, che invita lo Stato e le amministrazioni a fornire tutti i mezzi possibili per evitare il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza. Continueremo, dunque, a collaborare con le associazioni e le varie realtà del territorio che lavorano in questo senso e ci aiuteranno a diffondere la notizia del bonus bébé”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette