Home Rodigino Adria Adria Borgo autentico, scontro sul risultato della prima

Adria Borgo autentico, scontro sul risultato della prima

spinelloCorre sui social network il nutrito dibattito sul presunto flop incassato nel primo weekend effettivo dell’iniziativa, quello del 13 e 14 dicembre, del “Borgo autentico nella terra tra i due fiumi” (il progetto di promozione turistica che mette in rete gli operatori iscritti di tutta la Penisola). Sono numerosi gli adriesi ad esprimere la propria opinione, tra le quali spicca il fatto che Adria non abbia alcuna caratteristica di borgo medievale. “Montagnana o Arquà Petrarca sono dei borghi”, si può leggere tra i commenti. Amministrazione attaccata anche sulla pubblicità dell’evento, che a detta di tutti è comparsa nei manifesti solo giovedì, a due giorni dallo start. Dopo le polemiche relative ai costi esorbitanti, i famosi 300mila euro pubblici, di cui 100 levati direttamente dalle tasche dei cittadini, dunque, ora i riflettori puntano sul disastro del risultato, peraltro annunciato. Almeno stando a sentire l’opposizione. Risultato che invece è stato un successo per gli amministratori di palazzo Tassoni. “C’è chi ha estrapolato ad hoc le mie parole su Facebook”, riferisce il primo cittadino Massimo Barbujani. “Non tutte le ciambelle…”, si può tuttora leggere nel profilo personale del sindaco, in risposta a un’internauta che sosteneva: “E’ troppo facile mettere video di luoghi dove ci sono stati intrattenimenti, ma gli espositori vicini alla pretura, in corso Mazzini, erano in solitudine. Una tristezza”. Per l’assessore alle attività produttive Patrizia Osti, la celebrazione del borgo etrusco ha avuto esito decisamente positivo: “Si è trattato di una grande opportunità per il comune – è sua opinione – C’erano stand da tutta Italia a mettere in fila piatti come i vuvusones sardi, frico friulano o orecchiette pugliesi”. Il contrario sostiene invece il segretario del Partito democratico, Gino Sandro Spinello, che lapidario afferma: “C’era da immaginarsi uno scarso successo per questo fine settimana, ma nessuno avrebbe potuto indovinare un’adesione così scarsa. Mai, a mia memoria, un evento è stato vissuto in maniera così slegata dal contesto cittadino. Sabato 13 e la mattina di domenica 14 il centro era deserto. E’ andata meglio solo nel tardo pomeriggio”. E aggiunge: “Sarebbe più onesto, da parte della giunta, rinunciare al finanziamento regionale e risparmiare i 100mila euro di bilancio comunale”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette