Home Riviera del Brenta Riviera Est Autovelox, crollano le multe sulla Romea

Autovelox, crollano le multe sulla Romea

velox lova 1Il codice della strada si rispetta sempre di più. Crollano le multe affibiate dall’autovelox di Lova di Campagna Lupia. Gli automobilisti sulla statale 309 Romea dopo anni di sanzioni, sembrano aver capito la lezione e rallentano a ridosso dell’incrocio con il ponte sul Novissimo, rispettando di più il limite previsto dei 70 chilometri orari. Segno insomma, che gli impianti accusati spesso di essere stati piazzati per fare cassa, funzionano efficacemente anche come deterrenza nei confronti di chi ha il vizio di spingere troppo sull’acceleratore.

A spiegarlo è il sindaco di Campagna Lupia Fabio Livieri, positivamente sorpreso dai dati. “Negli ultimi sei mesi – spiega Livieri – possiamo registrare una ulteriore diminuzione delle infrazioni del 20 %. Da circa mezzo milione all’anno incassato nel 2012-2013 si era passato a giugno di quest’anno, a circa 180 mila euro. Insomma si può vedere che le entrate si sono ridotte a circa un terzo di quelle del periodo precedente e con la nuova diminuzione, se la tendenza verrà confermata, si incasserà poco più di 120 mila euro annui. Le multe date dall’autovelox a giugno 2014 sono state oltre 900”. C’è anche l’identikit dei multati. Gli automobilisti multati sono sempre più italiani, cioè circa il 70 per cento, che stranieri, che sono invece il 30 percento. Le multe per eccesso di velocità gli stranieri le pagano con più frequenza grazie all’attivazione di convenzioni ad hoc, soprattutto con paesi dell’Est europeo.

Intanto sempre in Riviera, fioccano le prime multe dai nuovi vista red negli incroci pericolosi a Mira e Campolongo. A Mira le multe dal vista Red in funzione dal primo dicembre arrivano soprattutto nel periodo serale e notturno, all’incrocio fra la Brentana via Mocenigo e via Boldani. Sono accesi e in funzione poi i vista red nel Comune di Campolongo, a ridosso dei semafori agli incroci di Bojon, lungo via XXV Aprile e via IV Novembre, agli incroci di Liettoli, lungo via Trentino e via Alto Adige. I sistemi vista Red piazzati il primo dicembre, sono in tutti e due i paesi omologati per l’accertamento in modalità automatica delle infrazioni, senza la presenza degli organi di polizia.

Gli impianti funzionano senza l’ausilio di flash, e quindi non è percettibile dagli utenti della strada, ciò per evitare sbandamenti del conducente e atti vandalici. Rilevano i veicoli in infrazione mediante una coppia di spire elettromagnetiche. Registrano filmati in formato digitale. Il file è memorizzato in formato compresso e non modificabile, Il sistema poi è omologato per funzionare in modalità automatica.

 

di Alessandro Abbadir

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette