Home Diritti Conselvano Donazioni e eredi legittimari

Donazioni e eredi legittimari

Sono sposato e ho dei figli: posso donare i miei beni? 

E’ bene subito chiarire: ognuno in vita può disporre liberamente di tutti i propri beni! Però a favore di alcuni soggetti (coniuge, fi gli e ascendenti)- cosiddetti eredi legittimari – la legge riserva necessariamente una quota di eredità. il nostro ordinamento infatti non prevede la diseredazione. La quota varia a seconda del rapporto di parentela tra il defunto e gli eredi, nonchè della coesistenza di diversi eredi.

Che rischi ci sono nel fare una donazione?
Poichè ciò che si dona è un “anticipo di successione”, al momento della morte del donante la donazione potrebbe essere oggetto di riduzione, se lede la quota dei legittimari: il benefi ciario della donazione potrebbe essere tenuto a restituire il bene agli eredi legittimari del donante. Questo comporta problemi pure in caso di vendita – fi nchè il donante è ancora in vita – del bene ricevuto per donazione: anche il terzo acquirente del bene potrebbe essere tenuto a restituirlo dopo la morte del donante.

In che modi si riducono le donazioni?
La legge stabilisce che le donazioni si riducono: – solo dopo esaurito il valore dei beni per cui si dispone per testamento – a cominciare dall’ultima donazione e risalendo alle anteriori.

La riduzione avviene automaticamente?
No: perchè il legittimario leso nei propri diritti possa ottenere la reintegrazione dei beni donati è necessario che eserciti in giudizio l’azione di riduzione. Solo se l’azione è vittoriosa avviene l’automatica riduzione delle donazioni e gli effetti retroagiscono al momento dell’apertura della successione. Per ottenere l’effetto reale è altresì necessaria l’azione di restituzione, che il legittimario può esercitare per ottenere la soddisfazione concreta dei suoi diritti.

Avv. Tommaso La Rosa

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette