Piovese: risalire la china è la nostra mission

Schermata 2015-01-31 alle 10.58.21Sicuramente ai biancorossi non è rimasto sullo stomaco il panettone, se è vero, com’è vero che alla ripresa del campionato dopo la sosta natalizia i ragazzi di Michele Florindo sono andati a vincere in casa dell’Oppeano, squadra ben più su in classifica rispetto al Piovese. Una vittoria frutto del “solito” stoccatore Correzzola che prima manda sulla traversa un penalty ma poi sfrutta un calcio d’angolo e mette dentro. Gran parte del merito per questi tre punti d’oro conquistati, che per il momento pone il Piovese fuori dalla zona calda, vanno al portiere Boscolo che prima sventa due tiri consecutivi del centravanti avversario e successivamente para anche un rigore.

Su come sta il Piovese e su quanto si aspetta dal girone di ritorno abbiamo sentito mister Florindo: “Sinceramente la squadra sta bene – ci ha risposto – abbiamo lavorato bene durante la sosta natalizia e anche i nuovi arrivi si sono amalgamati bene”.

Ce li elenca i nuovi arrivi?

“Posso contare sul fratello di Gianluca Correzzola nel ruolo di attaccante, sul centrocampista Marco Dallavia giocatore di 30 anni, quindi con una certa esperienza, sull’altro centrocampista Guido Parpaiola di 23 anni e sul difensore centrale Enri Tiozzo anche lui con una buona esperienza”.

La rosa su cui ora può contare la soddisfa?

“Valuto il gruppo che ho a disposizione abbastanza completo, pertanto credo che faremo un buon girone di ritorno”.

Da un po’ di tempo la squadra viag- gia nelle zone basse della classifica, si aspettava un avvio così stentato?

“È vero che i valori escono dal campo, ma per quanto espresso dalla squadra ci meritavamo una posizione in classifica migliore, credo che siamo in credito con la buona sorte e spero nella legge di compensazione ma soprattutto nel gioco dei miei ragazzi che sono sicuro sarà organico e fruttuoso”.

Insomma lei è convinto di lasciare presto la zona calda.

“Non sarà facile dato che anche le altre compagini venderanno cara la pelle, ma sono fiducioso, con i tre punti in palio è facile risalire la china, se lavoriamo bene come sono convinto faremo ci leveremo presto dai guai e poi si vedrà”.

Come sono i rapporti con lo spogliato- io e la dirigenza?

“Siamo un bel gruppo navighiamo in una splendida amalgama e con la dirigenza insieme abbiamo affrontato senza problemi gli ultimi momenti e le difficoltà del girone. Tutti ci diamo una mano e proprio per questo sono ottimista e questa realtà ci ha permesso di andare a vincere, prina di Natale, a Cerea la seconda in classifica. È stato un segnale che ci ha indicato quale deve essere il nostro cammino da qui alla fine del campionato”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento