Scorzè-Martellago, il nuovo casello è pronto

SCORZE’ – Ancora poche settimane e il casello di Martellago-Scorzè sarà aperto. Al momento in cui scriviamo non è ancora stata deciso il via libera ai veicoli, ma dai Comuni si parla che l’autorizzazione arriverà tra fine febbraio e marzo. Inoltre non si sa ancora quanto si pagherà di pedaggio per Padova, San Donà o Mestre, ma questo dovrebbe essere comunicato solo qualche giorno prima del taglio del nastro. Come da programma, a fine novembre i lavori si sono conclusi con la costruzione della rotatoria davanti alla Kelemata (Castellana). Fatta la stazione di entrata e uscita dei mezzi dall’autostrada, è sorta anche la tangenziale di collegamento a nord di Martellago: da est parte proprio dalla Kelemata, da ovest da via Boschi (Castellana). Questa, però, non si potrà percorrere finché il casello non sarà aperto. In queste settimane si stanno ultimando le rifiniture, gli allacciamenti e la segnaletica stradale. Completate anche le quattro rotatorie lungo il tracciato che porterà al casello: quelle ai lati, agli incroci con via Canove e in via Morosini a Martellago, via Ponte Nuovo e via San Paolo a Scorzè: su queste si può transitare senza alcun problema. 
Ma ormai il più è fatto e dopo i collaudi di rito, sarà dato il via libera ad auto e camion. Mancherà la complanarina a fianco dell’autostrada. Per vedere il cantiere aperto, si dovranno fare altri passaggi, tra cui avere il via libera del Ministero delle Infrastrutture e poi siglare un accordo tra Martellago e Scorzè. Solo a questo punto si potrà partire. La futura opera sfrutterà l’attuale contro-strada di servizio, che sarà allargata da tre a dieci metri. Per questo non sarà aperta in tempi rapidi ma ci vorrà ancora un po’. La gestione del tratto di Castellana dalla Kelemata al rondò di via Boschi passerà sotto il controllo del Comune di Martellago. Questo comporterà una serie di trasformazioni di tutta la viabilità locale, con il via a due tipi di Castellana: una vecchia e l’altra nuova (a nord del centro). Martellago e Scorzè non volevano accollarsi la manutenzione delle bretelle d’accesso. A inizio autunno si è trovata una soluzione che soddisfa entrambi i Comuni. A Scorzè attendono altre 3 opere collegate al Passante: la tangenziale sud (da via Milano a via Boschi), il bosco attorno al casello e la complanarina da via Moglianese. Sarà proprio questo ente a farsi carico dell’appalto, costruzione e bando dell’arteria lunga all’incirca un chilometro che viaggerà a fianco del Passante. Nel primo caso, a primavera dovrebbe essere pronto il progetto esecutivo e subito dopo partire i lavori che dureranno almeno fi no alla seconda parte del 2016. Per il bosco da 10 ettari, il Comune aspetta di avere in consegna le aree e poi si cercheranno quei finanziamenti per la posa degli arbusti. Infine la complanarina di circa un chilometro che viaggerà parallela all’autostrada fi no al casello, dopo gli accordi Martellago-Scorzè sarà Veneto Strade a farsi carico dell’appalto, costruzione e bando.

Alessandro Ragazzo

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento