Festa di San Valentino: l’antico oratorio tra mito e storia

bibliotecaGrande successo di pubblico per la giornata di San Valentino, organizzata a San Siro di Bagnoli grazie alla collaborazione tra comune, parrocchia di San Siro e Pro Loco e grazie alla presenza del gruppo di Protezione Civile comunale di Agna. Dopo la Santa Messa presso l’oratorio di San Valentino, curata come ogni anno da Don Remo, e alla quale hanno partecipato decine e decine di fedeli che hanno ricevuto anche la chiavetta benedetta, si sono tenute delle interessanti visite guidate a cura dell’associazione Kaleidoscopio. A tutti i bambini presenti sono state consegnate arance, mandarini, pane di San Valentino e una squisita merenda. Presso l’area antistante alla Barchessa ex Zara, già Zaguri, l’associazione Este Medioevale ha dato vita a coinvolgenti intrattenimenti per tutti i curiosi accorsi. Nella serata, in molti hanno risposto al’invito per la cena Medioevale con prodotti a Km zero (a cura dell’associazione El Tamiso). La cena si è tenuta presso il patronato di San Siro e il ricavato è stato interamente devoluto al nido e alla scuola dell’infanzia di San Siro.

La festa è stata anche l’occasione per ammirare i lavori di restauro dell’Oratorio che hanno visto il contributo generoso di un artigiano locale, Pietro Grappeggia che ha lavorato gratuitamente nel tempo libero dai primi anni 90. La giornata speciale è rientrata nel pro- getto “Eidos”, finanziato dal Programma di Sviluppo Rurale e Locale per il Veneto, con il Gal Bassa Padovana, con lo scopo di realizzare attività di promozione del turismo. L’usanza di celebrare una piccola sagra e recarsi all’oratorio era legata anche all’imminente cambio di stagione. “Da S.Valentin el giazo no tien gnanche un gardelin” e così intorno all’Oratorio era piacevole sostare e gustare i frutti della stagione, le arance, i mandarini ma anche le carrube le straccaganasse (castagne secche) e piccoli dolci.

 

Cristina Lazzarin

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento