A Vigonza lezioni per addetti all’assistenza familiare

corso assistenzaAl via al tanto atteso corso per addetti all’assistenza alla famiglia organizzato dal comune di Vigonza, in collaborazione con il Centro Regionale Migranti (CRM) di Dolo Ulss 13 e con il finanziamento economico della Regione Veneto. Il corso è totalmente gratuito, aperto a cittadini italiani e stranieri regolari con conoscenza della lingua italiana che operano nel mondo dell’assistenza alla persona.

“Lo scopo del corso è di fornire una preparazione specifica a chi già lavora in questo settore – ci racconta uno dei responsabili del corso – e a tutti coloro che intendono intraprendere l’attività di assistenza a persone diversamente abili, ad anziani ma anche a bambini. Il nostro progetto è altresì un prezioso strumento che si è rivelato idoneo a porre le basi per l’integrazione e il sostegno di quelle persone straniere che si apprestano al ruolo di assistente alla famiglia. L’impegno e la professionalità dei nostri docenti e di tutti coloro che credono in questo percorso ci ha consentito di ottenere ottimi risultati che si evincono dalle numerose richieste di Comuni e Province di tutto il Veneto”.

Il percorso è riconosciuto dalla Regione Veneto ed è a titolo gratuito, si svolge con una frequenza di due lezioni settimanali, per complessive 32 ore, in un totale di 11 incontri. La prima parte di questo corso, di 33 ore totali, corrisponde ad un modulo generale, invece la seconda parte prevede un modulo pediatrico. Alla fine del percorso è prevista una valutazione finale ed il rilascio di un “Attestato di Merito” per coloro che hanno frequentato almeno il 75% delle lezioni. E’ inoltre previsto un questionario anonimo per la valutazione della qualità del corso al fine di monitorare sia la qualità della docenza, sia le esigenze degli addetti all’assistenza. Dopo aver frequentato il corso sarà possibile lavorare come assistenti familiari in diverse funzioni, tra cui assistenza privata notturna in case di riposo, assistenza privata alla persona in ambito domiciliare e assistenza privata all’infanzia.

Manuel Glauco Matetich

Lascia un commento