Home Rodigino Adria Attive Terre presenta: “Paesaggi della memoria tra mito e identità”

Attive Terre presenta: “Paesaggi della memoria tra mito e identità”

attive terreIl 13 Marzo 2015 l’asscioziazione Attive terre ha presentato ad Adria : “Paesaggi della memoria tra mito e identità”.

Terzo incontro di Identi(kit)2, trattato da due rappresentanti e vari conoscitori del territorio tra cui il geologo Raffaele Peretto e  l’archeologa Sandra Bedetti, svoltosi venerdì 13 marzo nell’aula magna Badini, Adria.

L’incontro è stato presentato dal Presidente di Attive Terre, dott. Alessandro Andreello, dove si è trattato  di comprendere la fisionomia del territorio passato  per capire quanto è stato determinante per la nostra identità attraverso un’analisi di miti e leggende antiche riguardanti la storia locale e letture di suggestive poesie.

Il relatori hanno citato il mito di Fetonte, e come esso sia legato all’ambra, che giungeva qui dal baltico ed era lavorata dalle popolazioni venete antiche, ed hanno analizzato alcune foto aeree del Polesine, testimonianza degli antichi alvei dei fiumi e della centuriazione, nonché di tutti i tentativi di bonifica attuati nel territorio nel corso dei secoli.

Tutto questo accompagnato da proiezioni raffiguranti i cambiamenti del territorio imposti dall’uomo, quali  il tombinamento di fiumi, o l’edificazione di costruzioni futuristiche, che hanno alterato il territorio.

Al termine dell’incontro il geologo Raffaele Peretto, e l’archeologa adriese Sandra Bedetti,  hanno spiegato l’importanza nel recuperare la coscienza e la memoria delle nostre radici: “Solo comprendendo il nostro passato possiamo intravedere un futuro che riconosco, nonostante le trasformazioni, la nostra identità culturale.

In conclusione il presidente dell’associazione , il dott. Andreello ha fatto riferimento alla Convenzione Europea del Paesaggio, riassumendo il tema trattato nella serata: ” paesaggio come prodotto percepito dell’interazione tra uomo e natura, in un determinato contesto territoriale”.

Paesaggio designa una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni. » (Capitolo 1, art. 1 lettera a)

Le più lette