Home Rodigino Adria Cultura: ad Adria Icaro vola senza scottarsi

Cultura: ad Adria Icaro vola senza scottarsi

icaro adriaDal tessuto urbano di Rovigo ha spiccato il volo Icaro, il nuovo progetto culturale avente come capofila l’associazione Arci di Rovigo, vincitore del bando Culturalmente 2014 della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. La prima mostra è stata inaugurato il 6 marzo all’Archivio di Stato con la personale di Chiara Guidotto, Living here. Icaro è l’acronimo di Impulsi creativi artistici a Rovigo e, come il personaggio mitologico, si pone l’ambizioso obiettivo di superare i confini del proprio labirinto fisico e mentale per provare l’ebbrezza del volo, per proiettarsi nella dimensione più profonda, quella della conoscenza. Icaro farà breccia sugli spazi urbani, creando delle vere e proprie aperture in città, fisiche e simboliche, mediante il coinvolgimento diretto del centro cittadino in una serie di azioni, come opere site specific, installazioni, interventi di street art, che ribalteranno le tradizionali funzioni dei luoghi, per accendere i riflettori su contesti che sovente passano in secondo piano.
Come scrisse Italo Calvino “Le città non sono altro che la forma del tempo”. Il progetto nasce da un’analisi del centro città con l’obiettivo di rendere alcune peculiarità storiche, aggregative e culturali, terreno fertile per il dialogo con la creatività under 35. In questo modo, certi luoghi evocativi o alcune strutture architettoniche di riferimento dello skyline, parzialmente trascurati dallo sguardo contemporaneo, possono essere consapevolmente rivitalizzati attraverso scelte artistiche attente e strategiche, diventando punti di comunicazione attiva per la società di riferimento mediante il linguaggio dell’arte contemporanea. I punti di riferimento intercettati dal progetto sono infatti: Piazza Vittorio Emanuele e via Angeli, dove due fotografi , rispettivamente Dennis Ziliotto e Alexa Sganzerla, appenderanno delle fotografi e molto poetiche, visibili dal 13 marzo; la Rotondina di Piazzale di Vittorio, dove lo street artist Peeta farà un murales tridimensionale dal 1 aprile al 6; Porta Augustina dove Isabella Paris appenderà, il 4 aprile, dei pupazzi colorati e multiformi; le Torri saranno lo sfondo del video-mapping di Francesco Mancin, spettacolo scenografi co che andrà in scena sabato 27 giugno dalle ore 21, mentre il Giardino del Castello sarà vivacizzato da un tappeto volante, creato da Caterina Vallini in collaborazione con le associazioni Ago e Filo e Arci Younuted.

di Melania Ruggini

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette