Home Padovano Bassa Padovana Este: baby vandali all’ex Zanchi

Este: baby vandali all’ex Zanchi

scuola zanchi allagata esteFuochi appiccati a carte geografiche e libri, rubinetti lasciati aperti ad allagare i pavimenti, manichette antincendio azionate e infissi danneggiati con tanto di mazzetta da muratore. E una scia di vandalismi che pare andar ben al di là della goliardata consumata in un pomeriggio. E’ questo lo scenario inquietante emerso il 6 marzo scorso all’ex scuola Zanchi di via dell’Atleta. Nel pomeriggio di quella giornata i vigili della polizia atestina hanno scoperto, in flagranza “di reato”, otto adolescenti chiaramente impegnati nel compiere dei vandalismi alla struttura scolastica di Meggiaro. Storicamente lo Zanchi ha ospitato per anni la succursale della scuola media Carducci e il biennio del liceo Ferrari.

Gli studenti liceali hanno abbandonato la struttura due anni fa vista l’apertura della nuova sede unica di via Stazie Bragadine, mentre i ragazzi delle medie hanno dovuto emigrare forzatamente dopo l’ondata di maltempo del 13 ottobre scorso. Qualcuno di loro, nelle ultime settimane, ha però ben pensato di intrufolarsi nello stabile ormai quasi fatiscente e di sfogare le proprie fantasie represse e i propri istinti vandalici compiendo dei seri danneggiamenti. Gli 8 adolescenti fermati e individuati sarebbero solo, almeno in termini temporali, gli ultimi autori di questi danni. Il sindaco Giancarlo Piva, che ha concordato con la dirigente scolastica Paola Morato alcuni provvedimenti per “punire” questi adolescenti, è rimasto molto colpito dall’accaduto: “I ragazzi che hanno messo in atto queste azioni hanno 12 e 13 anni e sono figli di nostre famiglie estensi, che una volta avvisate sono rimaste veramente sconvolte dalle azioni messe in atto dai loro figli. Scoperti i danneggiamenti, ho convocato immediatamente ragazzi e genitori in sala giunta: ho evidenziato loro come le azioni commesse siano state particolarmente gravi e determinino la necessità di una assunzione di responsabilità da parte delle famiglie anche nel risarcimento dei danni subiti”.

Quanto venuto a galla a inizio mese apre tuttavia i riflettori su una questione, ossia la destinazione e il mantenimento dello Zanchi. L’edificio è di proprietà della Provincia e necessita di un importante intervento di manutenzione. Il Comune ha già affermato la volontà di non recuperare l’immobile, visto che dall’anno prossimo tutte le scuole medie verranno accentrate nella sede del Carducci in centro storico. Il comitato di genitori degli studenti della Zanchi, tuttavia, ha inviato una lettera all’amministrazione comunale, avanzando timori sul degrado dell’immobile e chiedendo alla giunta di Giancarlo Piva di chiarire quale sarà il futuro della struttura.

di Nicola Cesaro

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette