Home Veneziano Miranese Sud Facebook, tv e radio, la città comunica

Facebook, tv e radio, la città comunica

tg miraneseSe esistesse una classifica, perlomeno nel territorio, di gruppi in internet, community e organi di informazione, probabilmente Spinea è la regina. Dall’immancabile “Sei di Spinea se”, ai gruppi per chiedere (e costruire) una città più sicura, dalle tv locali alle radio, Spinea si conferma vero e proprio network, quasi alla stregua di grandi città. Voglia inarrestabile di restare in contatto e scambiarsi opinioni nell’era di internet e nella città più densamente popolata del Veneto, seconda solo a Padova? Può darsi, fatto sta che l’elenco è davvero lungo.

L’ultima arrivata è addirittura una tv per tutto il Miranese, ma la sede e il conduttore (e factotum), il giornalista Paolo Favaretto, sono a Spinea: il suo Tg è in onda dallo scorso settembre sull’emittente padovana “CafèTv24” (canali 95 e 666 del digitale terrestre), con edizioni il mercoledì e il venerdì alle 19.20 e 00.15, il giovedì e il sabato mattina alle 7.20 e visibile anche in streaming. La redazione giornalistica ha sede proprio a Spinea, anche se segue il territorio dei comuni di Mirano, Martellago, Noale, Salzano, Scorzè, Spinea e Santa Maria di Sala. La tv ha, ad oggi, una redazione locale anche a Fossalta di Portogruaro, che produce due edizioni quotidiane del Tg: una dedicata al Veneto Orientale e una al Friuli. “La nostra è una testata che ha già avuto molti apprezzamenti – afferma Favaretto – perché è una voce libera che parla del territorio, dei suoi problemi e non solo. Dà voce anche alle eccellenze e alle notizie positive, perché ormai i telespettatori non ne possono più di ascoltare solo eventi negativi. La crisi incombe ancora ma il nostro territorio è ricco di persone, associazioni e realtà che producono con impegno centinaia di iniziative. Così anche i comuni che spesso non hanno la dovuta risonanza negli altri media”.

Telegiornale dunque aperto al territorio e alle storie tutte da raccontare. Non solo tv però: consapevole delle enormi potenzialità di Facebook, la tv è sbarcata presto anche sul social network, dove tra l’altro i gruppi su Spinea impazzano, arruolando centinaia di residenti e simpatizzanti. Si va dal classico “Sei di Spinea se”, che tratta di tutti i temi riguardanti la città e da dove in passato sono state promosse anche alcune iniziative di solidarietà, a “Cosa succede a Spinea”, che punta soprattutto sulle cronache cittadine, dove anche le notizie dei media locali possono trovare risalto. Seguendo poi i temi più cari ai cittadini, sono nati i gruppi dove dibattere di sicurezza e criminalità: “Spinea + sicura” e “Sorveglia Spinea” riportano, purtroppo, le continue notizie di cronache cittadine e non solo, dai furti ai raggiri, raccogliendo anche le segnalazioni dei cittadini sul tema, mentre di recente è nato il gruppo e la pagina gestiti dai neonati Gruppi di controllo del vicinato, pronti a partire anche a Spinea. La moda è quella di darsi una mano in rete, segnalando anche movimenti e individui sospetti, con l’obiettivo di tutelarsi a vicenda dalle incursioni dei predoni.

Tra televisione e internet, non poteva mancare certo la radio: dal 2005 Spinea ha la sua emittente, si chiama Radio 585, in sintonia con l’associazione (e lista civica) a cui è legata. Trasmette da Crea sulle frequenze FM 99.2 (Mestre e Marghera) e 100.3 (Spinea e Miranese), alternando news e musica. Gran traffico dunque in città, non solo di auto, ma anche di notizie e opinioni. E’ la società dell’informazione globale, a 360 gradi e fatta principalmente dai cittadini per i cittadini.  di Filippe de Gaspari

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette