Il cane, una grande opportunità

Veronica_FerrareseIl cane, una grande opportunità

Dal momento in cui si porta a casa un cane sia da un alle da un canile, la prima cosa che dobbiamo ricordare è che siamo stati noi a scegliere di vivere con lui, mentre lui non ha avuto la possibilità di fare questa scelta. Troppo spesso invece, chi adotta un cane ha determinate aspettative senza prendere minimamente in considerazione le doti caratteriali dell’individuo e le esperienze che quel cane ha vissuto. Di qui delusioni, rapporti incrinati fino ad arrivare a volte, alla restituzione del cane stesso. Peccato perché dovremmo imparare ad invertire i ruoli: il cane per noi è una grande opportunità.

Lasciando da parte il fatto che convivere con il cane è una cosa naturale, basti pensare che è da migliaia di anni che viviamo con lui ed insieme ci siamo coevoluti imparando a collaborare reciprocamente, quando parlo di opportunità intendo tutti quei risvolti positivi che derivano dal rapporto cane proprietario e che frequentemente non consideriamo.

Le persone che mi chiamano di solito mi chiedono aiuto perché il cane è diventato “ingestibile” oppure tira al guinzaglio, abbaia, non è ubbidiente e così via. In realtà il vero problema è che quel cane non è stato capito. Da qui inizia il percorso di addestramento, un percorso che riguarda il cane ma che riguarda soprattutto il proprietario. La cosa che mi da maggior soddisfazione nell’esercitare la mia professione è proprio vedere quel binomio che cresce, alti e bassi momenti di grandi soddisfazioni e di grandi delusioni…e poi il grande cambiamento, il proprietario che si fa delle domande, impara ad osservare il proprio cane, a rispettarlo, a comprenderlo ed infine a sviluppare quell’affinità attraverso una comunicazione chiara e corretta. E’ questa la grande opportunità che intendo: il cane, se lo amiamo veramente, ci mette nella condizio- ne di guardarci dentro, farci delle domande, metterci in discussione e di conseguenza migliorarci.

dott. Veronica Ferrarese Educatrice cinofila che collabora con il Rifugio Cipa

Lascia un commento