Home Diritti Delta Incidente stradale: consigli utili per il giusto risarcimento

Incidente stradale: consigli utili per il giusto risarcimento

Contrariamente ai miei precedenti interventi, con questo articolo tenterò di elencare una serie di consigli che potrebbero rivelarsi utili quando si rimane coinvolti in un incidente stradale. Come prima cosa, se le parti del sinistro non hanno richiesto l’intervento delle Autorità (Polizia, Carabinieri etc..) è importante che queste compilino in maniera corretta il modulo di constatazione amichevole, preoccupandosi di realizzare un disegno preciso e completo, capace di chiarire perfettamente la dinamica. Non bisogna scordare, infatti, che l’anzidetto modulo rappresenta – fino a prova contraria – l’unico documento in grado di dimostrare con quali modalità si è verificato l’incidente. Una volta che si è operato in tale modo, e non prima di essersi rivolti al personale medico per le eventuali cure del caso, è consigliabile che la pratica risarcitoria venga subito affidata ad un professionista serio che conosca concretamente la materia, soprattutto perché in quest’epoca si sono succeduti numerosi interventi normativi che hanno notevolmente cambiato i criteri di liquidazione dei danni subiti.
A questo punto, contrariamente a quanto si possa pensare, il compito del danneggiato non è finito. Infatti, da questo momento egli dovrà controllare che il proprio consulente/patrocinatore svolga il suo lavoro in maniera corretta. Per farlo, non occorrono grandi sforzi. Basterà che il cliente chieda sempre una copia di tutta la documentazione afferente il sinistro:
1) la lettera di richiesta di risarcimento dei danni;
2) tutta la corrispondenza intrattenuta con la Compagnia di Assicurazione;
3) la quietanza di pagamento;
4) le fatture (non i preventivi) relative alle spese mediche sostenute.
Queste ultime, in particolare quando vengono anticipate da chi gestisce la pratica, all’atto del loro rimborso debbono essere verificate con i Dottori o con il Centro medico che ha fornito le prestazioni. Difatti, non sono mancate le volte che a causa di “innocenti” errori di calcolo il povero danneggiato sia stato indotto a pagare somme superiori al dovuto, anche per diverse centinaia di euro.

 

Dott. Luca Mulas

mulasluca@libero.it

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette