Home Rodigino Pallavolo. Per la Beng il sogno coppa dura poco

Pallavolo. Per la Beng il sogno coppa dura poco

Niente da fare. Troppo forte il Bolzano, capolista della serie A2 di volley femminile, per la Beng Rovigo che, in finale di Coppa Italia, svoltasi a Rimini, non ha concesso nemmeno un set alle giallonere rodigine, vincendo 3-0.

La finale è stata equilibrata solo nel primo parziale, deciso da una bordata di Lucia Bacchi, eletta Mvp dell’incontro (top scorer con 15 punti). Nei successivi due le giallonere di Diego Flisi hanno perso la presa e subito break micidiali, come quello di 15-2 che permette al Neruda di passare nel terzo set da 5-9 a 20-11. Delusione ed amarezza in casa giallonera, un lavoro di ricostruzione del morale da portare a termine nel più breve tempo possibile in vista degli altri impegni di campionato che vedono la Beng posizionata a metà classifi ca. A consegnare la coppa alle altoatesine il presidente di Lega Pallavolo Serie A, il veneto Mauro Fabris che ha commentato così. “

Una finale non entusiasmante, che francamente non mi è piaciuta – ha detto – Mancava agonismo e non voglio esprimere giudizi tecnici sulle squadre, dico solo che l’avrei desiderata molto più combattuta. Il risultato sportivo per entrambe le squadre è acquisito nel momento in cui si accede alla fi nale, e per Beng Rovigo credo debba essere considerato estremamente positivo, ma la fi nale, ribadisco, non mi è piaciuta”. Parole condivise, in parte, anche dal presidente Beng Rovigo Antonio Monesi. “Una partita brutta dove abbiamo fatto troppi errori e non abbiamo espresso il valore in campo. Peccato per il risultato, ma è inevitabile, se giochi male non vinci, se lo fai contro Bolzano perdi 3-0 e anche se vai in vantaggio ti recuperano e chiudono a loro favore.”

Scende sul tecnico Alessio Simone, secondo allenatore giallonero analizzando i tabellini dei set. “Ventidue errori in tre set parlano da soli – spiega l’allenatore delle giallonere – Quello di molto buono fatto da Beng è stato sciupato con i troppi errori e dalla vera forza del Bolzano ovvero il muro e la difesa dove hanno fatto molto bene con due break importanti con cui si sono fatte sotto annullando il nostro vantaggio iniziale e ribaltando il set. La prima manifestazione così importante per molti di noi in Beng e probabilmente abbiamo pagato anche un bel po’ di emozione che ci ha impedito di essere completamente lucidi”.

Cristiano Aggio

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette