A Camponogara volpi scatenate fanno strage di galline

volpeIl problema è endemico, e ciclicamente si ripropone. Nelle scorse settimane, infatti, si è ripresentato il fenomeno delle volpi scatenate che hanno assalito le galline. Il numero di volatili da cortile nell’area della Riviera sud che ne hanno fatto le spese sono state una quarantina. Le razzie compiute dalle volpi hanno interessato 4 aziende agricole fra Campagna Lupia e Camponogara (soprattutto nella frazione di Premaore), aziende che hanno a lato delle classiche produzioni di mais o frumento, anche piccoli pollai con meno di un centinaio di galline ciascuno.

Le volpi hanno agito di notte e hanno fatto strage di galline azzannandole. La scoperta è stata fatta dai proprietari, quando hanno sentito di notte un gran frastuono. Le volpi però avevano lasciato sul terreno decine di animali morti. La caratteristica delle volpi, infatti, è quella di cacciare e uccidere non per sfamarsi, ma per gioco. “Questi assalti delle volpi – spiega il sindaco di Campagna Lupia, Fabio Livieri, che è anche funzionario di Coldiretti – sono davvero un problema, e creano tanto disagio a molti imprenditori agricoli. Tanti agricoltori hanno autorizzato i cacciatori della zona ad abbatterle, se si trovassero nel loro terreno”.

Il problema della presenza delle volpi è anche quello di trasmettere la rabbia, e per questo gli anni scorsi sono partite campagne di cattura e abbattimento da parte della polizia provinciale. Insieme al problema delle volpi negli anni passati, sempre a Campagna Lupia, nell’area a ridosso del canale Novissimo, e quindi delle frazioni di Lova e Lughetto, il problema più grave è quello della presenza delle nutrie che devastano gli argini. Le nutrie, sono un grosso roditore, e a differenza delle volpi sono prevalentemente erbivore. Oltre a creare dissesti agli argini e a divorare intere colture, possono essere veicolo di trasmissione di malattie come la leptospirosi.

Lascia un commento