Home Padovano Cfp, il trasferimento alla primaria Boschetti Alberti fa discutere

Cfp, il trasferimento alla primaria Boschetti Alberti fa discutere

scuola Boschetti AlbertoFa discutere la decisione di trasferire le attività del Centro territoriale permanente, l’istituto per la formazione degli adulti, dalla scuola media Davila alla primaria Boschetti Alberti. Per fare chiarezza il vicesindaco e assessore alla Scuola, Lucia Pizzo e il dirigente scolastico, Caterina Rigato hanno inviato una nota esplicativa ai genitori dei ragazzi ricordando che il Ctp è una realtà presente sul territorio da molti anni e che la decisione di trasferirlo è stata presa di concerto tra il Comune, gli organi collegiali della scuola, i docenti e la dirigenza del Ctp.

“Non vi è alcuna promiscuità di spazi – spiegano – ma le classi dei bambini saranno tutte al piano terra, con una collocazione più opportuna per la didattica. Ci sarà uno spazio dedicato e riservato agli adulti che utilizzeranno aule e servizi igienici esclusivamente al piano superiore ed entreranno nell’edificio dall’entrata laterale”. “Lo spostamento delle aule al piano terra (che ospiterà due classi terze e una quinta) – aggiungono – sarà più funzionale anche per i disabili. Inoltre le aule saranno dotate di lavagne Lim (lavagna interattiva multimediale)”. “L’amministrazione comunale – fanno presente – ha finanziato anche l’adeguamento impiantistico di un’aula al piano superiore in cui verrà realizzato, con i fondi del Ctp, un innovativo laboratorio di informatica che potrà essere utilizzato anche dagli alunni della scuola primaria in orario antimeridiano a seguito di apposita convenzione che ne regolerà l’uso”.

“Attualmente – ricordano – gli alunni della scuola primaria non possono usufruire del laboratorio informatico al piano terra in quanto del tutto obsoleto e situato in un’aula molto piccola”. Lo spostamento delle attività del Ctp alla scuola primaria avverrà non appena saranno ultimati i lavori di predisposizione delle aule. “Qualsiasi eventuale problematica – concludono il vicesindaco e il dirigente – sarà certamente monitorata dalle docenti al fine di prevenire possibili disagi”.

Polemizzano i consiglieri della Lega e civica Forza Piove: “Si è creata una logica e comprensibile preoccupazione che si sarebbe potuta evitare se la circolare esplicativa del Comune fosse arrivata ben prima di marzo”. “Il Comune – fanno notare – aveva stabilito questo trasferimento con una delibera di giunta nel mese di settembre, possibile non ci sia stato modo e tempo di informare adeguatamente i genitori interessati dell’ iniziativa?”. “Ad ogni modo – concludono – vigileremo con attenzione perché le premesse non sono per niente positive”.

di Martina Maniero

Le più lette