sabato, 25 Giugno 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenezianoMiranese SudElettrosmog a Spinea: scuola Mantegna controllata

    Elettrosmog a Spinea: scuola Mantegna controllata

    Banner edizioni

    rete_elettricaTorna d’attualità il problema dell’inquinamento elettromagnetico a Spinea. A risollevarlo, dopo che era stato uno dei temi caldi nei primi anni 2000, è stato un gruppo di genitori della scuola elementare Mantegna, che non erano parte del dibattito all’epoca dei fatti, e che chiedendo i motivi del sottoutilizzo del plesso scolastico hanno scoperto come i bambini rimangano esposti all’elettrosmog. I fatti: i problemi alla Mantegna sono iniziati nel 2000 e hanno coinvolto anche la vicina materna Grimm, ora sede di associazioni.

    Ma è nell’agosto 2010, con la giunta Tessari, che l’Arpav ha comunicato la pericolosità dell’elettrodotto che attraversa Spinea e in particolare Fornase e Graspo d’Ua. Campi magnetici oltre il limite della soglia prevista, si leggeva nella comunicazione, con serio pericolo, in caso di prolungata esposizione, per i bambini. Soluzione: la Grimm, dove i limiti erano totalmente superati, fu chiusa e i bambini spostati alla materna Collodi, dove allora si trovavano le associazioni. La Mantegna invece, il cui superamento dei parametri era limitato a poche aule, fu ampliata e ristrutturata, permettendo il recupero di nuove aule non soggette a elettrosmog e l’utilizzo dei locali rimasti in “zona rossa” solo per poche ore al giorno. Ora i genitori che chiedevano di aprire un’altra classe, viste le numerose richieste, hanno scoperto che questo non è possibile: “Perché parte della scuola non risulta agibile per più di due ore al giorno, a causa dei valori elevati di elettrosmog causati dal passaggio di un elettrodotto ad alta tensione”, scrivono i genitori in una lettera indirizzata al Comune e all’Arpav.

    La “zona rossa” riguarda solo un’ala dell’edificio, quella formata dai due locali mensa, dall’aula informatica, dalla biblioteca e dalle aule insegnanti e pittura, oltre che dell’atrio, motivo per cui finora non è stato necessario chiudere l’intera scuola, ma solamente limitare la permanenza dei bambini nei locali incriminati. “Ma tenendo conto del fatto che le aule frequentate dai bambini per 8 ore al giorno sono solo a pochi metri dall’area “critica” – continuano mamme e papà – siamo molto preoccupati per la salute dei nostri figli”. Chiesti pertanto nuovi rilevamenti che l’Arpav effettuerà e i cui esiti comunicherà probabilmente a fine mese. “Questo clima d’incertezza sta causando forte preoccupazione e sta maturando in noi l’idea non solo di non iscrivere i nostri figli in prima, ma anche di spostare i bambini che già frequentano la Mantegna in un’altra scuola”, avvertono però i genitori, che ora vogliono sapere se la parte agibile dell’edificio, quella più frequentata dai bambini, sia abbastanza sotto la soglia prevista per legge.

    di
    Filippo De Gaspari

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni