Ambiente e scuola: un fotoromanzo sulla bonifica

bon“Acqua, ambiente e territorio, alla scoperta del meraviglioso mondo dell’acqua”, questo il nome del progetto scuola di Unione Veneta Bonifiche, l’associazione dei dieci consorzi di bonifica del Veneto, che ha coinvolto dieci istituti comprensivi scolastici di tutta la Regione, con 400 alunni partecipanti e progetti multimediali finalizzati a valorizzare un tema di forte attualità, in questi momenti di criticità idraulica, come la salvaguardia del territorio.

Le “mascotte” dell’iniziativa, Alex e Flora, hanno fatto visita anche alle classi quarte della scuola primaria di Spinea “Ippolito Nievo”. Portando così il tema dell’acqua nelle scuole cittadine. Andrea Crestani, direttore dell’Unione Veneta Bonifiche, ha aperto i lavori, sottolineando l’importanza dei Consorzi di bonifica, soprattutto in questi momenti di difficoltà, soffermandosi in particolare sui cambiamenti climatici e del territorio. “Troppo cemento, superfici pari a 13 campi da calcio, vengono ogni giorno cementificate, a cui si aggiungono precipitazioni concentrate in poche ore, generano criticità idrauliche anche gravi. Il motto è quindi “investire sui giovani”, attraverso azioni di sensibilizzazione e coinvolgimento come questa”.

La classe coinvolta, ha realizzato, al termine del laboratorio multimediale, un fotoromanzo sull’idrovora di Lova e la sicurezza idraulica del territorio, meta di una visita guidata dei ragazzi. A conclusione del progetto, i partecipanti saranno protagonisti di un grande evento che si terrà in questo mese di maggio, organizzato in occasione della Settimana nazionale della bonifica e dell’irrigazione 2015. Francesco Cazzaro, neo presidente del consorzio di bonifica Acque Risorgive, ha chiuso la lezione inaugurale, sottolineando l’importanza di conoscere il territorio che ci circonda, frutto di un costante e quotidiano lavoro, lungo i 2400 chilometri di canali su cui opera il l’ente di bonifica, ricco di oasi, impianti e manufatti che si danno spesso per scontati.

di
Filippo De Gaspari

Lascia un commento