Calcio. Adriese, è il momento di crederci

adriese playoffFulmini e tuoni in casa Adriese nel periodo post pasquale. La dirigenza granata ha deciso di dare il benservito a Valeriano Fiorin e affidare la panchina al suo vice per le ultime partite di campionato di Eccellenza di calcio. Così facendo Palmiro Gregnanin, per tutti “Encio”, ha preso il timone della storica società calcistica e ha portando in porto la nave chiudendo al secondo posto del girone A. Purtroppo non sono bastati i punti di scarto dalla terza squadra della classifica per raggiungere direttamente i play off nazionali. A Fiorin sono costati la panchina i due pareggi contro Oppeano (scontro diretto per il secondo posto) e Bardolino. Entrambi per 1-1.

Al presidente Luciano Scantamburlo non è andato giù, evidentemente, il rientro nei giochi proprio dell’Oppeano. Con il Campodarsego in fuga non bisognava fallire certe partite per mettere fiato sul collo alla capolista. E invece i due pareggi hanno compromesso il miracolo di un possibile sorpasso alle ultime curve per andare direttamente in serie D. Così facendo per gli ultimi 270 minuti di campionato la dirigenza ha deciso di dare la squadra a Gregnanin. La gestione delle ultime partite ha portato 9 punti tondi tondi contro Ambrosiana, Sambonifacese e Marosticense. Con la squadra della Valpolicella l’Adriese ha vinto per 3-1. Dopo l’iniziale svantaggio, Zanellato (doppietta) e Bez risolvono la situazione a favore dei granata. Alla penultima non ci sono problemi con la già condannata Sambonifacese visto il 4-1 fi nale.

Per anticipare i play off, il 29 aprile, di mercoledì, è andata di scena l’ultima di campionato. Al Bettinazzi l’Adriese riesce a regolare la Marosticense con le ciliegine dei due Marangon, Luca e Giacomo: 2-1 al triplice fi schio fi nale. Regular season amara visti i 66 punti accumulati a -4 dal Campodarsego campione e a +6 dall’Oppeano, terzo. Proprio questo distacco non è servito per saltare entrambi i primi due turni. Sarebbe servito un +7 dalla terza per andare direttamente alle fasi nazionali. E invece il 10 maggio partita secca contro l’Oppeano in casa. La vincente dello scontro diretto sarà ammessa ai turni nazionali. Qui la strada per salire in serie D prevede altre quattro partite: primo turno con andata e ritorno per accedere al secondo e decisivo turno, sempre con andata e ritorno.

 

Riccardo Pavanello

Lascia un commento